Finanza & Mercati

«Alta volatilità, ma l’Europa adesso può essere una…

  • Abbonati
  • Accedi
Servizio |INVESTIMENTI

«Alta volatilità, ma l’Europa adesso può essere una grande occasione»

NEW YORK - James Rasteh gestisce il fondo hedge Coast Capital. Oltre cento di milioni di dollari di asset in venti investimenti. E abituato a navigare nel mare in tempesta dei mercati. «Siamo abituati a muoverci quando le cose vanno male. Ma facciamo anche tanto short. È il nostro mestiere».

Cosa fate quando i mercati sono instabili come ora?

Noi non siamo davvero colpiti dalle fluttuazioni dei mercati. Investiamo nelle aziende che sono la numero uno o la numero due in settori industriali in crescita con ampi margini di profittabilità. Investiamo quando la loro valutazione è davvero bassa e gli utili non ci sono. Poi cerchiamo di migliorare la gestione della società perché possa produrre utili. Nel nostro advisory board ci sono 16 ceo leader nel loro settore. Ad esempio nel retail, il nostro advisor è José Maria Castillano, il fondatore di Inditex, il patron di Zara. Per dire che prima di muoverci ci pensiamo bene.

In termini generali come vede la situazione attuale?

Ci sono tanti elementi di incertezza e di instabilità sui mercati. Il presidente americano, la trade war, ora l'arresto dell'executive di Huawei, la Brexit, le politiche differenti messe in atto dai paesi europei.

A cosa si riferisce?

Ai paesi che vanno meno bene. L'Italia è una grande preoccupazione. Noi non abbiamo investito nella Grecia, ma per la prima volta dopo tanto tempo la Grecia ha un governo pro business con buone prospettive. Brexit sta spingendo tante società che decidono di lasciare il Regno Unito verso Francia, Germania e Olanda.

Ci sono opportunità?

L'azionario europeo viene scambiato 12 volte e mezzo gli utili contro l'S&P 500 dove il rapporto earning per share è al 15,7. L'Europa è davvero un'opportunità in questo momento per il valore degli scambi, se comparati a quelli americani.

La volatilità sui mercati peggiorerà ancora?

In questo momento è alta. Ma se guardiamo la volatilità media di questo 2018 o del 2017, che era piuttosto bassa, mi viene da dire, guardando avanti, che la volatilità non aumenterà.

Cosa pensa dell'inversione della curva di rendimento dei T-Bond?

È un fenomeno alquanto inusuale, non accade molto spesso.

Molti vedono un segnale di un prossimo rallentamento…

In questo periodo le nostre giornate sembrano più lunghe del solito. Sono passati dieci anni dall'ultima crisi. Prima o poi arriverà di nuovo. Bisogna solo capire quando.

Ci sarà recessione nel 2019?

Nessuno può prevedere quando questo accadrà, ma la storia suggerisce che è inevitabile.

Jamie Dimon dice che la trade war ha costretto tutti i business leader a ripensare gli investimenti.

Le decisioni dei politici ci costringono a cambiare strategia. Noi ci modelliamo seguendo i loro accordi, cambiamo il modo di fare business per adattarci alla realtà. A volte cerchiamo di anticipare le mosse. Non è sempre facile. Se la Cina rallenta, impatta sul nostro lavoro: succederà qualcosa sulle materie prime. Però, dall'altro lato, se la Cina rallenta ci saranno altri paesi che andranno meglio, società manifatturiere che sceglieranno di produrre nei paesi vicini, in Vietnam ad esempio. Ogni evento contiene elementi critici e opportunità, bisogna saper leggere.

Come può proteggersi il risparmiatore se gli indici vanno giù?

I professionisti hanno un approccio. Il risparmiatore un altro. Quando c'è un momento di correzione dei mercato come quello attuale non è facile capire cosa fare. Ma alla fine della giornata, come si dice, devi avere fatto i compiti a casa.

Che cosa vuol dire?

Non ci sono strade facili. Però se i fondamentali della società su cui si è investito sono buoni, nel lungo termine i risultati arrivano. Non bisogna spaventarsi del mare in tempesta ma cercare di spostare lo sguardo più in là.

È il momento di comprare?
Se si vuole entrare ora in una società il consiglio è quello di guardare la valutazione, che magari è bassa, ma anche gli indicatori economici della società. Se questi sono sani, magari è il momento giusto per entrare.

Qual è il segreto per difendere il portfolio?

La qualità degli asset su cui si è investito è il miglior modo per evitare le perdite nei momenti di instabilità dei mercati. Che vanno su e giù. Le persone che vanno dietro ai su e giù dei mercati nella maggior parte dei casi si fanno male. Davvero: molti economisti, anche analisti che fanno questo di professione, sbagliano: non guardate ai su e giù dei mercati ma curate la qualità dei vostri asset. Fate i compiti a casa. Comprate quando i valori di una società sono bassi. È quello che facciamo noi ed è quello che credo dovrebbero fare i risparmiatori. E in ogni caso siate sempre molto prudenti prima di decidere un investimento.

© Riproduzione riservata