Finanza & Mercati

Sale Brunello Cucinelli, +8,1% ricavi 2018, bene estero e…

  • Abbonati
  • Accedi
L'Analisi |i numeri del gruppo umbro

Sale Brunello Cucinelli, +8,1% ricavi 2018, bene estero e Italia

(Imagoeconomica)
(Imagoeconomica)
Andamento titoli
Vedi altro

Brunello Cucinelli in buona evidenza alla Borsa di Milano nel giorno in cui sono stati diffusi i risultati preliminari 2018 relativi ai ricavi. Le azioni, che si sono attestate in rialzo per tutta la seduta, in attesa che fossero pubblicati i dati, ha chiuso a +3,78% a 31,6 euro per azione, valore massimo da un mese. Gli analisti di Mediobanca Securities avevano scommesso che il gruppo avrebbe centrato la guidance di incremento del 10% dei ricavi a cambi costanti per il 2018 raggiungendo un fatturato di 553 milioni di euro frutto di un +7% atteso per il retail, +10% nel franchise monomarca e +9% nel wholesale multibrand. Equita Sim si aspettava circa 150 milioni di ricavi nel IV trimestre che porterebbe il totale annuo intorno a 570 milioni. I broker si aspettavano che il gruppo umbro della moda avrebbe reiterato la previsione di un incremento delle vendite in doppia cifra anche per il 2019. Le attese, che hanno sostenuto il titolo durante la seduta, sono state sostanzialmente confermate dai dati, pubblicati dopo la chiusura di Borsa.

Prevista conferma del ritmo di crescita anche in 2019
In occasione dei conti dei 9 mesi 2018, quando i ricavi netti avevano raggiunto i 422 milioni, il presidente e amministratore delegato Brunello Cucinelli aveva dichiarato di attendersi un intero 2018 con «crescita in termini di ricavi e marginalità a doppia cifra». «L’andamento delle vendite delle collezioni invernali, veramente molto molto positivo, e l’apprezzamento registrato per quelle della prossima Primavera Estate anche in termini di raccolta ordini - aveva poi aggiunto - ci inducono a immaginare un 2019 con una nuova ulteriore crescita a doppia cifra». Nel 2018 le quotazioni di Brunello Cucinelli sono aumentate dell'11% in Borsa a fronte del -16,5% del Ftse All Share.

I risultati hanno confermato le attese
Nel 2018 Brunello Cucinelli ha visto salire i ricavi netti consolidati dell'8,1% a cambi correnti a 553 milioni di euro (+10,7% a cambi costanti). Stando ai dati preliminari della gestione del 2018, esaminati dal Cda della maison del lusso, è stato registrato un aumento delle vendite dell'8,8% sui mercati internazionali e del 4,2% a 88,3 milioni su quello italiano (incidenza del 16% sul totale). In particolare, è stato registrato un +8,5% in Europa (a 163,7 milioni, peso del 29,6%), +3,9% in Nord America (a 187,2 milioni, incidenza del 33,9%), +28,5% nell'area Greater China (a 54,8 milioni, peso del 9,9%) e +10,7% nel resto del mondo (59 milioni, incidenza del 10,7%). Inoltre, l'indebitamento finanziario è stato pari a 15 milioni di euro, in leggero miglioramento sul 2017, e sono stati investiti 45 milioni, con l'obiettivo di tenere «altissima l'immagine» del brand, nel canale fisico e in quello digitale. Il Ceo Brunello Cucinelli ha parlato di «un altro anno chiuso in modo splendido, sia in termini di numeri sia sotto il profile dell'immagine generale del brand a livello mondiale» e ha sottolineato che il gruppo continua «a sostenere, ad avere fiducia e a investire» in Italia, «percependo il grande valor che questa rappresenta a livello mondiale per la sua creatività, qualità, manualità». Cucinelli, anche alla luce del buon sell out dell'inverno e agli ordini per la Primavera-Estate 2019, ha detto che il gruppo «immagina un altro anno a venire con una crescita garbata in linea con il 2018».

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

© Riproduzione riservata