Finanza & Mercati

Riciclaggio, il rapporto Deutsche Bank-Danske nel mirino della Fed

  • Abbonati
  • Accedi
aperta un’indagine

Riciclaggio, il rapporto Deutsche Bank-Danske nel mirino della Fed

La Federal Reserve ha aperto un’indagine per chiarire se e come Deutsche Bank ha gestito e movimentato miliardi di dollari in transazioni sospette da parte di Danske Bank, intensificando ulteriormente quello che potrebbe essere uno dei più grandi scandali di riciclaggio di denaro sporco di sempre. L'indagine della Fed è in una fase iniziale in quanto esamina se le operazioni della Deutsche Bank negli Stati Uniti hanno monitorato adeguatamente i fondi di una filiale estone della Danske Bank A/S. Danske, che ha utilizzato banche corrispondenti come Deutsche Bank per trasferire denaro all'estero, ha ammesso che gran parte dei circa 230 miliardi di dollari che scorrevano attraverso il piccolo avamposto estone potrebbero essere stati sporchi.

PER SAPERNE DI PIÙ / Caso Danske, 150 milioni di fondi sospetti gestiti da Deutsche Bank

Gli Stati Uniti richiedono alle banche che operano sotto la sua giurisdizione di controllare i clienti e le loro transazioni per individuare il potenziale riciclaggio di denaro sporco e allertare le autorità per le transazioni sospette. La Fed è tra le autorità di regolamentazione che assicurano che le banche dispongano di sistemi adeguati per adempiere a tali compiti.

Un informatore della Danske Bank che ha delineato il flusso illecito di denaro contante attraverso quella società ha detto che gran parte di esso è passato attraverso la Deutsche Bank negli Stati Uniti, e un altro ha detto che la Fed si sta concentrando sulla banca fiduciaria del prestatore tedesco. La Deutsche Bank starebbe collaborando con la Fed.

L'amministratore delegato della Deutsche Bank Christian Sewing aveva detto la scorsa settimana di aver avviato un'ulteriore indagine interna sul ruolo del prestatore come banca corrispondente di Danske, anche se ha aggiunto di non aver visto alcuna prova di irregolarità.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti e le autorità penali di altri paesi hanno avviato indagini sull'attività della Danske Bank in Estonia, che è diventata un centro europeo per i riciclatori di denaro proveniente dall'ex Unione Sovietica. La banca danese è stata incaricata dall'autorità di regolamentazione nazionale di accumulare un ulteriore capitale di 1,5 miliardi di dollari per far fronte ai costi delle potenziali sanzioni.

© Riproduzione riservata