Finanza & Mercati

Hsbc in rosso a Londra dopo dati sotto attese. Soffre il comparto Ue

  • Abbonati
  • Accedi
L'Analisi|Banche

Hsbc in rosso a Londra dopo dati sotto attese. Soffre il comparto Ue

Le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina pesano sulle previsioni e sui risultati di Hsbc, che a Londra segna la performance peggiore del listino, condizionando tutto il comparto bancario europeo. Il titolo della banca, attiva in tutto il mondo ma con una forte esposizione sui mercati asiatici, è in calo del 3,9% a 637,85 pence, segnando la seduta peggiore in due anni. L'istituto bancario risente dell'esposizione al mercato cinese, in cui pesano le incertezze legate al rallentamento della crescita e alla guerra commerciale con gli Stati Uniti. Gli analisti sottolineano che anche i dubbi sulla Brexit rappresentano un ulteriore elemento di preoccupazione. La banca ha annunciato utili lordi 2018 in rialzo del 16% a 19,89 miliardi di dollari, al di sotto delle stime di consensus di 21,41 mld. L'utile netto è stato di 12,6 miliardi (+30%) contro i 9,6 miliardi dell'anno precedente e contro le attese di 13,61 miliardi. «La banca ha citato come fattori per i risultati del quarto trimestre la volatilità del mercato azionario e un rallentamento dell'economia cinese», spiega Michael Hewson di Cmc Markets Uk, sottolineando che i dati sono inferiori alle attese sia in termini di utili che di ricavi. «Il forte calo dei mercati azionari alla fine dello scorso anno - aggiunge - ha colpito in particolare la divisione di gestione patrimoniale che ha sottoperformato. Anche se questi risultati sono anche abbastanza buoni, non lo sono stati abbastanza da spingere il titolo oltre la media mobile a 200 giorni, che ha respinto il prezzo per la quarta volta da ottobre».

Il calo di Hsbc sta condizionando tutto il settore bancario che segna la performance peggiore in Europa, con l'eurostoxx di settore che è il peggiore con un calo dell'1,44%. A Piazza Affari le banche risentono anche del rialzo dello spread BTp/Bund oltre i 270 punti e del tono generale della seduta, peggiorato pesantemente dopo la diffusioni dei dati deludenti su ordini e fatturato dell'industria italiana. Ubi Banca è la peggiore con una flessione del 2,8%, va male anche Banca Generali (-1,7%), cali di circa un punto per le altre banche. A Londra Standard Chartered è in calo del 3,21%, a Parigi Bnp Paribas cede l'1,3%, a Francoforte vanno male Commerzbank (-2,8%) e Deutsche Bank (-2,13%).

(il Sole 24 Ore Radiocor)

© Riproduzione riservata