Finanza & Mercati

Morta Marella Agnelli, vedova dell’Avvocato. Lunedì il…

  • Abbonati
  • Accedi
lutto

Morta Marella Agnelli, vedova dell’Avvocato. Lunedì il funerale

È morta a Torino Marella Agnelli, la vedova di Gianni Agnelli, aveva 92 anni ed era malata da tempo. Marella Caracciolo era nata a Firenze il 4 maggio 1927. Figlia di Filippo Caracciolo Principe di Castagneto e di Margharet Clarke.

GUARDA IL VIDEO / Torino, addio a Marella Agnelli. Aveva 92 anni

È mancata sabato nella sua casa di Torino. Ad annunciarlo è stata la famiglia che ha anche fatto sapere che i funerali si svolgeranno in forma strettamente privata nei prossimi giorni. Un momento di ricordo pubblico, invece, dovrebbe essere organizzato in occasione della celebrazione del trigesimo.

Il sindaco di Villar Perosa (Torino) ha proclamato il lutto cittadino lunedì prossimo in occasione della cerimonia funebre, che sarà celebrata, in forma strettamente privata, alle 11 nella chiesa parrocchiale di San Pietro in vincoli,
accanto alla residenza della famiglia Agnelli, nel paese della Valle Chisone.

Marella Agnelli, nata a Firenze da una famiglia dell’antica aristocrazia napoletana, in gioventù vive in diversi paesi d’Europa al seguito del padre diplomatico, Filippo Caracciolo di Castagneto. La madre Margaret Clarke è statunitense di Peoria (Illinois). Un suo fratello, Carlo Caracciolo, è stato fondatore insieme con Eugenio Scalfari del gruppo editoriale l'Espresso-La Repubblica. Un altro fratello, Nicola Caracciolo, è giornalista, studioso di storia contemporanea e autore televisivo.

Il 19 novembre 1953 Marella Caracciolo sposa Gianni Agnelli. Madre di Edoardo e di Margherita Agnelli, aveva otto nipoti (tutti figli di Margherita): i fratelli John e Lapo, Ginevra, Pietro, Sofia, Maria, Anna e Tatiana. Marella aveva poi sei bisnipoti.

Marella Agnella ha vissuto in gioventù tra l’Europa e gli Stati Uniti, è stata fotografa e designer di tessuti, grande appassionata di arte e mecenate. Presidente onorario della Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, è stata membro dell'International Board of Trustees del Salk Institute di San Diego (California) e dell'International Council of the Museum of Modern Art di New York.

È stata, tra l’altro, anche vicepresidente del consiglio di Palazzo Grassi a Venezia, presidente dell'Associazione degli Amici Torinesi dell'Arte Contemporanea e nel 2000 è stata insignita del titolo di Grande ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

«Con Marella Agnelli scompare una figura illustre che ha accompagnato la storia torinese del '900 con garbo ed eleganza. Le mie sentite condoglianze vanno a John, Lapo, Ginevra e all'intera famiglia, a titolo personale e della istituzione che rappresento», ha dichiarato il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino. Ha espresso le sue condoglianze anche il sindaco di Torino, Chiara Apprendino: «La Città di Torino esprime vicinanza alla famiglia Agnelli per la scomparsa della Signora Marella. Nel ricordo di una figura che negli anni, per il nostro Paese e non solo, ha rivestito un ruolo importante nel mondo dell'arte e della cultura».

© Riproduzione riservata