Finanza & Mercati

Luxottica, Del Vecchio allo scontro con i francesi di Essilor. Il…

  • Abbonati
  • Accedi
EssilorLuxottica

Luxottica, Del Vecchio allo scontro con i francesi di Essilor. Il titolo cade in Borsa

Finisce in uno scontro frontale la relazione tra italiani e francesi nel gruppo EssilorLuxottica. Il giorno dopo il consiglio di amministrazione che ha avviato le procedure per la scelta di un nuovo amministratore delegato, il patron di Luxottica Leonardo del Vecchio esce allo scoperto con un comunicato di fuoco nei confronti dei partner francesi: «Delfin (la holding di Del vecchio, ndr) ha identificato comportamenti di alcuni rappresentanti di Essilor che meriterebbero l’adozione immediata di misure appropriate da parte del Consiglio - si legge nella nota -, poiché contrari al dovere di leale cooperazione e buona fede richiesto dall’Accordo di Combinazione del 2017 tra Essilor e Delfin, essenziale per il corretto funzionamento della governance della Società». «Per Delfin - continua la nota -, tali comportamenti costituiscono una palese violazione dell’Accordo di Combinazione e delle regole di governance di EssilorLuxottica».

Il titolo soffre a Parigi dopo lo scoppio del conflitto. Il titolo a Parigi cede il 5% mentre l'indice Cac 40 cede lo 0,15%.

Questa svolta apre scenari inediti. Il comunicato è arrivato proprio il giorno dopo il Cda che avrebbe dovuto nominare un «headhunter» per la ricerca di un nuovo amministratore delegato. Nelle settimane passate era stato proprio il ruolo che Francesco Milleri, ceo del gruppo italiano e braccio destro di Leonardo Del Vecchio, avrà nel nuovo organigramma a scaldare gli animi. Milleri è sempre stato il candidato di Leonardo Del Vecchio alla guida del gigante da 16 miliardi di fatturato. Lo scorso novembre Del Vecchio aveva dichiarato di voler proporre «immediatamente» Milleri alla direzione del gruppo. Ma nel corso della prima assemblea dei soci tuttavia aveva sfumato la posizione, indicando di non aver espresso che i suoi «desideri per l’avvenire». I patti tra francesi e italiani, in tema della scelta del Ceo, indicano infatti un percorso “di mercato” preciso, come scritto nella Lettera di attuazione degli accordi: la selezione deve essere gestita dal comitato nomine della holding, che utilizzerà a sua volta una società di head hunter. Solo alla fine il tutto andrà al vaglio del Cda.

Ora è arrivato il fulmine. Dopo aver ricordato di «aver investito in EssilorLuxottica il risultato di un'intera vita lavorativa», il comunicato della holding che fa capo a Del Vecchio conclude con il preannuncio di possibili azioni legali: «Delfin - si legge - si riserva di intraprendere tutte le azioni che riterrà necessarie o appropriate per proteggere il suo interesse, quello di EssilorLuxottica e di tutti i suoi stakeholder». «Leonardo Del Vecchio è convinto dell’enorme valore industriale del progetto di integrazione - continua la nota -, tanto da aver accettato una limitazione al 31% dei suoi diritti di voto e, per un “periodo iniziale” che termina nella primavera del 2021, anche pari poteri e pari rappresentanza nel Consiglio di Amministrazione per Delfin ed Essilor». Tale periodo iniziale ha il principale scopo di favorire un graduale processo di integrazione delle culture. Ma a quanto pare non è un processo semplice.

«In questa fase i rappresentanti di Essilor hanno deliberatamente impedito a Delfin anche di rivendicare la sua quota paritaria di autorità aziendale insita nel principio concordato degli “uguali poteri”», lamenta Delfin nel comunicato.
«Delfin continuerà a rispettare e ad esigere il pieno rispetto da parte dei rappresentanti di Essilor dell’Accordo di Combinazione e delle regole di governance della Società, sulla base dei quali Delfin così come gli azionisti di Essilor e di Luxottica hanno deciso di sostenere il progetto di combinazione tra Luxottica ed Essilor International». Il dado è tratto. Il matrimonio tra Essilor e Luxottica ha insomma la sua prima difficoltà. (My.L.)

© Riproduzione riservata