Finanza & Mercati

Borse in calo aspettando la Fed. Petrolio a 60 dollari, al top del…

  • Abbonati
  • Accedi
Servizio |la giornata dei mercati

Borse in calo aspettando la Fed. Petrolio a 60 dollari, al top del 2019

Andamento titoli
Vedi altro

Stop al rally dei listini azionari europei aspettando la Federal Reserve. L'attesa per le indicazioni che arriveranno dal meeting del Federal Open Market Committee della banca centrale Usa e dal suo governatore Powell sull'andamento dell'inflazione e le prospettive dei tassi di interesse fa frenare gli indici azionari, tutti al top da quasi 6 mesi, insieme ai casi Bayer e Bmw. Il -10% del colosso chimico-farmaceutico, che ha perso la prima fase di un processo in California sugli effetti cancerogeni di un diserbante di sua produzione, e il -5% di Bmw, che si aspetta risultati 2019 in netto calo rispetto allo scorso anno, hanno piegato la Borsa di Francoforte, di gran lunga la peggiore con un calo dell'1,6% circa. Piazza Affari ha limitato il passivo allo 0,2% nel FTSE MIB. Le vendite sui bancari (-2,7% Banco Bpm e -2% Ubi Banca) e, protagonisti in positivo delle ultime sedute, e suFiat Chrysler Automobiles(-2,5%) nella giornata "no" del comparto auto sono state compensate dalle performance di Prysmian(+4,2%), dal buon andamento delle utility e da Poste Italiane(+1%), che ha aggiornato i massimi dalla quotazione in Borsa sfiorando 8,5 euro. Male anche Tim (-2,4%).

Wall Street in calo in attesa delle decisioni Fed, pesante FedEx
Wall Street chiude in altalena non riuscendo a mantenere i guadagni realizzati con la Fed. Il Dow Jones perde lo 0,55% a 25.745,33 punti, il Nasdaq sale dello 0,07% a 7.728,97 punti mentre lo S&P 500 cede lo 0,30% a 2.824,19 punti. Dopo un avvio di seduta negativo, i listini americani avevano invertito rotta con la Fed “colomba”. Negli ultimi 20 minuti di scambi, però, gli indici hanno perso quota
e bruciato i rialzia seduta.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib

BTP: spread si allarga 243 punti
Chiusura in rialzo per lo spread tra BTp e Bund sul mercato secondario telematico dei titoli di Stato con il rendimento dei decennali italiani che torna sopra la soglia del 2,50 per cento. Il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark (Isin IT0005340929) e il pari scadenza tedesco ha terminato gli scambi a 243 punti base, in aumento di 5 punti base rispetto ai 238 punti del finale di ieri. Risale anche il rendimento del BTp benchmark decennale che si attesa in chiusura al 2,52% dal 2,49% del closing di ieri.

A Milano in rosso Moncler, si indebolisce Fca dopo dati Bmw
A Piazza Affari tra i più penalizzati c'è stata anche Moncler, dopo l'uscita del fondo francese Eurazeo dal capitale con uno sconto limitato (dell'1,5% rispetto al prezzo di chiusura di ieri) e dopo 8 anni di presenza nel capitale. A curare l'accelerated bookbuilding presso investitori istituzionali sono stati BofA Merrill Lynch e Citi in qualità di Joint Bookrunner. In rosso anche Tenaris (-1,4%) e Eni
(-0,7%) nonostante il risveglio pomeridiano del greggio. Fuori dal Ftse Mib, pesante -8,7% di Datalogic a causa di un IV trimestre giudicato sotto le
previsioni dagli analisti. In discesa il settore editoriale.Prima della seduta odierna, i principali indici azionari europei, cosi' come lo Stoxx600 e l'Eurostoxx50, avevano toccato i massimi dagli ultimi giorni di settembre/primi di ottobre 2018: la correzione odierna ha fatto indietreggiare Parigi dello 0,8%, Madrid dello 0,91%, Zurigo dello 0,66% e Londra dello 0,45%.

Francoforte la peggiore con il crollo di Bayer
Il glifosato pesa ancora su Bayer: a Francoforte il titolo è crollato del 10%, zavorrando il listino tedesco. Il colosso Bayer ha subito una nuova sconfitta nel caso dell'erbicida Roundup prodotto dalla sua divisione di agrochimica Monsanto e accusato di provocare il cancro. Un tribunale di San Francisco, nella prima fase del processo, ha stabilito che l'esposizione al Roundup è responsabile del tumore sofferto dal settantenne Andrew Hardeman, che lo aveva utilizzato per 26 anni nelle sue proprietà rurali della California settentrionale. La stessa giuria ora dovrà decidere se la società è responsabile o meno e se dovrà pagare danni. Monsanto è stata acquisita da Bayer per 63 miliardi di dollari nel giugno scorso. Il verdetto unanime arriva a otto mesi di distanza dalla sentenza analoga costata 289 milioni di dollari (poi ridotta a 78,5 mln) sul prodotto a base di glifosato. Bayer ha presentato un appello ancora in corso. Per Bayer, il costo della vicenda legale del pesticida si è tradotta finora in un crollo del 50% del titolo dal giugno scorso. Bayer in una nota si è detta «delusa» dalla decisione iniziale della giuria.

Euro/dollaro in stallo. Sterlina sotto pressione nel caso Brexit
Sul mercato valutario, l'euro è rimasto stabile sul dollaro (a 1,1354 da 1,3152) aspettando il responso della Fed, mentre si è indebolita la sterlina (a 0,8599 per un euro da 0,8555 e a 1,3201 dollari da 1,3268), agitata dal caos Brexit con il dibattito sui tempi del possibile rinvio della scadenza per l'uscita del Regno Unito dalla Ue. «Difficile immaginare come la Fed possa essere più accomodante di quanto lo sia stata finora quest’anno, di fatto contribuendo al forte rimbalzo dei mercati», commenta Luigi Nardella direttore di Ceresio Sim, Banca del Ceresio. Powell, «dopo aver spaventato gli investitori nell’ultimo trimestre con i suoi commenti molto 'hawkish', ha di fatto congelato ulteriori rialzi almeno per i prossimi mesi e annunciato l’intenzione di interrompere la contrazione del bilancio». Ora la Fed considera addirittura di rivedere il proprio obiettivo di tasso di inflazione come media di periodo e non valore attuale. «Dall’incontro di oggi - aggiunge Nardella - nessuno si aspetta una revisione dei tassi; il focus è sui dettagli relativi all’interruzione del quantitative tightening – riduzione del bilancio – e sulle previsioni sui tassi dei membri del Fomc, il famoso dot plot, sulla cui rilevanza peraltro lo stesso Powell ha manifestato dei dubbi».

Andamento dello spread Btp / Bund

Petrolio: Wti tocca i 60 dollari, prima volta dal 2019
Per la prima volta nel 2019 il petrolio quotato a New York ha raggiunto nell'intraday i 60 dollari al barile. A sostenere le quotazioni è l'inatteso calo delle scorte settimanali di greggio in Usa, che va ad aggiungersi all'impegno dell'Opec+ di continuare a tagliare la produzione. Il Wti ad aprile - in scadenza oggi - è arrivato a 60,03 dollari al barile (+1,7%), top dello scorso 12 novembre. Anche il contratto maggio, il più scambiato, ha superato quella soglia psicologica.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

© Riproduzione riservata