Finanza & Mercati

Pinterest accelera sull’Ipo: vuol battere sul tempo Uber

  • Abbonati
  • Accedi
Servizio |Tech e Borsa

Pinterest accelera sull’Ipo: vuol battere sul tempo Uber

Pinterest ha deciso di accelerare i tempi del suo sbarco a Wall Street, confermando il momento d’oro per i collocamenti azionari sulla piazza statunitense. La società di social media e ricerca d’immagini potrebbe fin dalle prossime ore rendere pubblica la sua documentazione per l’Ipo, che finora ha depositato solo in forma confidenziale presso la Sec. Così facendo dovrebbe spianare la strada a un collocamento azionario iniziale già a metà aprile, fra poche settimane, che secondo indiscrezioni avverrà al New York Stock Exchange. Il gruppo, stando alla più recenti indicazioni pervenute, viene valutato 12 miliardi di dollari.

GUARDA IL VIDEO. Pinterest deposita la documentazione per l’Ipo

Pinterest - nata nel 2010, con 250 milioni di utenti mensili attivi e entrate per 700 milioni generate dalla pubblicità - ha intenzione di sfruttare quello che appare come un forte appetito del mercato per il debutto di nuovi titoli. Lyft, il gruppo di trasporto alternativo, ha già avviato il proprio road show tra gli investitori cercando una valutazione tra i 21 e i 23 miliardi, superiore alle previsioni. E nel corso del 2019 sono previsti i lanci in Borsa di altri protagonisti hi-tech e digitali, da Uber, il più grande rivale di Lyft, al gruppo di messaggistica per aziende Slack Technologies. Pinterest, con la sua mossa, potrebbe anzi voler battere sul traguardo del collocamento azionario proprio Uber, che punta a mettere a segno a fine aprile uno dei più grandi sbarchi di sempre, vista una valutazione ipotizzata fino a 120 miliardi. Il social media potrebbe inoltre grazie all’operazione di quotazione rafforzare la sua credibilità quale alternativa a colossi del calibro di Facebook e Google.

Tech e Internet non sono i soli settori caldi, quando si tratta di Ipo. Levi Strauss, storico marchio dei jeans, è sbarcato giovedì 21 marzo a Wall Street con un rialzo di quasi il 32% rispetto al prezzo di collocamento. È stato il terzo maggior incremento dal 2015 per un titolo non tecnologico al primo giorno di scambi. La frenesia da Ipo, che di questo passo nell'intero anno in corso potrebbero far segnare un nuovo record complessivo, è tale da aver anche riaperto il duello tra le borse per aggiudicarsi i nuovi titoli. Il Nyse stando a quanto affiorato dovrebbe aver strappato oltre a Pinterest anche Uber; il Nasdaq avrebbe invece attirato Lyft.

© Riproduzione riservata