Finanza & Mercati

Huawei: +39% i ricavi nel primo trimestre malgrado le pressioni Usa

  • Abbonati
  • Accedi
telefonia

Huawei: +39% i ricavi nel primo trimestre malgrado le pressioni Usa

Huawei chiude il primo trimestre del 2019 con ricavi in rialzo del 39%, a 179,7 miliardi di yuan (26,8 miliardi di dollari), malgrado le pressioni degli Stati Uniti
sugli alleati a evitare soprattutto i prodotti del gruppo cinese nel 5G, la telefonia mobile di ultima generazione, sui timori che possano diventare uno strumento di spionaggio di Pechino.

Il gruppo di Shenzhen, leader mondiale per gli equipaggiamenti e network per le tlc, nonché numero 3 negli smartphone, non ha fornito indicazioni puntuali sull’andamento della redditività, ma ha precisato che il margine netto sui ricavi si è attestato all’8%: quindi, a conti fatti, sarebbero circa 14,4 miliardi di yuan (2,1 miliardi).

Nei primi 3 mesi dell’anno, ha spiegato Huawei in una nota, le consegne di smartphone sono risultate di 59 milioni di unità, mentre sotto il profilo gestionale il focus è stato dedicato a infrastrutture Ict e dispositivi, continuando a rafforzare efficienza e qualità delle sue operazioni.

Il lancio del 5G per auto
Huawei Technologies ha lanciato oggi quello che lo stesso gruppo ha definito il primo hardware 5G per l’industria automotive, nel tentativo di diventare il primo fornitore per il comparto delle auto a guida autonoma. Il modello MH5000 è basato sul chip Balong 5000 5G, lanciato nel gennaio scorso. La prima del nuovo dispositivo è avvenuta in occasionedello Shanghai Autoshow, che terminerà domani.

Huawei negli ultimi anni ha testato la tecnologia per la connessione fra auto a Shanghai, Shenzhen e Wuxi e ha siglato una collaborazione con costruttori quali FAW, Dongfeng and Changan.

© Riproduzione riservata