Finanza & Mercati

Deutsche Bank-Commerz, salta la fusione: «troppi rischi e…

  • Abbonati
  • Accedi
credito

Deutsche Bank-Commerz, salta la fusione: «troppi rischi e pochi benefici»

Le trattative per una fusione tra Deutsche Bank e Commerzbank sono fallite. I due istituti, annuncia una nota, hanno deciso di interrompere i colloqui. Dopo «un’attenta analisi è apparso evidente che una tale combinazione non sarebbe nell'interesse di azionisti della banca o altre parti interessate» e «non avrebbe creato benefici sufficienti».

«Ha avuto senso valutare questa opzione per il consolidamento del settore domestico in Germania. Tuttavia, siamo sempre stati chiari: dovevamo essere convinti che qualsiasi possibile combinazione avrebbe generato rendimenti più elevati e più sostenibili per gli azionisti e ci avrebbe permettono di migliorare la nostra proposta di valore per i clienti» ha detto Martin Zielke, ceo di Commerzbank. «Dopo un’analisi approfondita, abbiamo concluso che questa operazione non avrebbe creato benefici sufficienti per compensare i rischi di implementazione aggiuntivi, i costi di ristrutturazione e i requisiti patrimoniali associati a tale integrazione». Il matrimonio destinato a dar vita alla piu' grande banca tedesca e alla seconda banca europea con 1,8 trilioni di dollari di asset e 140 mila dipendenti, dunque non si fara'.

Lo scetticismo degli investitori e l'ostilità dei sindacati
Troppi rischi e pochi benefici è la sintesi e così Deutsche Bank e Commerzbank hanno deciso di abbandonare i colloqui avviati a metà marzo, e ufficializzati dopo giorni e giorni di indiscrezioni. Il progetto, secondo alcuni sostenuto dietro le quinte dallo stato tedesco che detiene il 15% di Commerzbank, ha suscitato fin dall'inizio lo scetticismo degli investitori e l'ostilità dei sindacati di entrambi i gruppi preoccupati dai possibili rischi per l'occupazione. A caldo il ministro delle Finanze tedesco Olaf Scholz ha commentato con comprensione lo stop alle trattative ma ribadendo che «l'industria tedesca, attiva in tutto il mondo, ha bisogno di istituti di credito competitivi». «Deutsche Bank e Commerzbank hanno discusso diversi scenari per una cooperazione più stretta, ma tale cooperazione ha senso solo se è economicamente sostenibile», ha affermato. In Borsa Deutsche Bank guadagna il 3,8% a 7,88 euro mentre Commerzbank perde il 2% a 7,6 euro.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

© Riproduzione riservata