ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCantieristica navale

Fincantieri in rialzo, per analisti momento positivo sugli ordini

Sottoscritto un memorandum of understanding con MSC per la costruzione di ulteriori due navi da crociera di lusso alimentate a idrogeno

di Chiara Di Cristofaro

(ANSA)

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Si muove in terreno positivo Fincantieri in Borsa, con gli analisti che sottolineano il momento positivo per gli ordini del gruppo. Fincantieri ha annunciato di aver sottoscritto un memorandum of understanding con MSC per la costruzione di ulteriori due navi da crociera di lusso alimentate a idrogeno. Le due navi saranno caratterizzate da una nuova generazione di motori a gas naturale liquefatto e saranno dotate inoltre di tecnologie e soluzioni ambientali da primato per il settore, tra cui un sistema di raccolta dell`idrogeno liquido. Le due nuove costruzioni entreranno in servizio, rispettivamente, nel 2027 e nel 2028. Inoltre, MSC ha deciso di modificare l`ordine di altre due navi già ordinate a Fincantieri prevedendo l`installazione di motori a Lng/idrogeno per un investimento aggiuntivo di 120 milioni.

Valore ultima commessa MSC stimato in oltre 1 miliardo

«Il valore dell'ordine delle due nuove navi non è stato annunciato ma pensiamo possa essere superiore a 1 miliardo», dicono gli analisti di Equita. La notizia «è positiva - aggiungono - perché si riaprono gli ordini nel settore crocieristico dopo 2 anni e mezzo di sostanziale stop e in anticipo rispetto al target della società di ripartenza degli ordini della divisione nel 2023». Gli analisti di Banca Akros evidenziano poi un'altra notizia, riportata dal quotidiano francese “La Tribune”: la Grecia sta per selezionare il costruttore di quattro corvette per la Marina greca e Fincantieri sarebbe nella short list dei possibili produttori. «Oltre al prezzo delle navi e il calendario delle consegne la decisione sarà anche sia politica che strategica per Atene», dice Banca Akros che stima che il contratto possa valere circa 2 miliardi di euro. «Il fatto che l'Italia stia stringendo i legami con la Turchia (ieri il premier italiano Draghi ha incontrato il presidente turco dopo molti anni di relazioni tese) possono ridurre le possibilità di successo di Fincantieri», visti i rapporti tra Grecia e Turchia. «Di sicuro - conclude Akros - il contratto greco è importante e una decisione potrebbe essere presa a breve».

Loading...
Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti