sentenza a milano

Fine vita: Marco Cappato assolto, il fatto non sussiste

Assoluzione per l’esponente dei radicali era imputato per aiuto al suicidio per la vicenda di dj Fabo, accompagnato a morire in Svizzera nel febbraio 2017


Dj Fabo, assolto Marco Cappato

1' di lettura

La Corte d’Assise di Milano ha assolto Marco Cappato con la formula «perché il fatto non sussiste». L’esponente dei radicali era imputato per aiuto al suicidio per la vicenda di dj Fabo, accompagnato a morire in Svizzera nel febbraio 2017.

Nel chiedere l’assoluzione, l’accusa aveva ricordato la recente sentenza della Corte costituzionale, spiegando che nella vicenda ricorrono tutti e 4 i requisiti indicati dalla Consulta, che ha tracciato la via sulla non punibilità dell'aiuto al suicidio.

«Ho agito per libertà di scelta e per il diritto di autodeterminazione individuale», ha detto Cappato, che durante il processo ha ricevuto la notizia della morte della madre, malata da tempo.
«È una sentenza davvero importante e penso che sulla scorta delle decisioni di questi e altri giudici si possa finalmente dare una legge a tutti quelli che sperano». Questo il commento del procuratore aggiunto di Milano Tiziana Siciliano che insieme alla collega Sara Arduini ha rappresentato la pubblica accusa nel processo a Marco Cappato. I due pm hanno chiesto l'assoluzione dell'esponente dell'associazione Luca Coscioni.

Per approfondire
Da Welby a Eluana Englaro, storia di chi ha aperto il dibattito sul “fine vita”
Dj Fabo, la Consulta: aiuto al suicidio non sempre punibile

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...