L’impatto della guerra

Fino a 900 euro per alloggio: gli aiuti per i profughi ucraini

Due i binari su cui viaggia il sistema dell’accoglienza che a breve sarà definito con ordinanze della Protezione civile

Ucraina, Draghi: "60mila profughi e chissà quanti dopo, Italia pronta ad accoglienza"

3' di lettura

Chi scappa dalla guerra in Ucraina continuerà ad essere ospitato presso le famiglie, ma anche in monasteri, in case disabitate da tempo per ripopolare vecchi borghi o in abitazioni che potranno essere affittate attraverso un contributo dello Stato italiano. Sono due i binari su cui viaggia il sistema dell’accoglienza dei profughi, che a breve sarà definito con delle ordinanze della Protezione civile.

Gli arrivi in Italia

Il capo del Dipartimento, Fabrizio Curcio, metterà nero su bianco a chi e come andrà distribuita una parte dei 400 milioni stanziati dal Governo nell’arco di una prima fase di sei mesi. E i numeri degli arrivi continuano a crescere: le persone giunte finora in Italia sono 55.711. Di queste, 28.537 sono donne, 4.776 uomini e 22.398 minori: nelle ultime ore l’aumento è stato di circa 2mila individui. L’ipotesi - per almeno 60mila profughi e per una durata di tre mesi dall’arrivo in Italia - è di un contributo di circa 600 euro al mese (o fino a 900 euro a seconda del nucleo familiare) ai rifugiati ucraini che trovino un’autonoma sistemazione, una formula simile a quella utilizzata per gli sfollati del terremoto.

Loading...

Dalla rete Caritas ai Comuni

Restano poi le coperture per quei 15mila posti che potranno essere individuati dalle associazioni del terzo settore, grazie a un contributo di circa 20 euro al giorno per ogni profugo preso in carico attraverso il sistema dell’accoglienza diffusa: somma che sarà poi devoluta alle famiglie o alle strutture che ospitano. Su questo fronte, ad essere mobilitati sono anche gli enti religiosi. La rete Caritas delle varie diocesi è già in contatto con parrocchie e istituti che hanno messo a disposizione spazi da inserire nel sistema di accoglienza che le Prefetture stanno coordinando. Parte dei fondi andrà anche ai Comuni, che stanno individuando strutture e appartamenti. La Calabria ha già annunciato uno stanziamento affinché si possano ospitare gli ucraini in quei borghi che stanno scomparendo, ripopolando paesini di poche migliaia di abitanti con la presenza dei profughi mettendo in pratica la “rifunzionalizzazione delle abitazioni”.

Contributi per l’assistenza sanitaria

Per quanto riguarda invece il sostegno per l’assistenza sanitaria ai rifugiati, si riconoscerà alle Regioni e Province autonome un contributo forfettario per l’accesso alle prestazioni del Servizio sanitario nazionale, per i richiedenti e titolari della protezione temporanea per un massimo di 100mila persone. Nuove responsabilità si sono aggiunte all’attività dei medici delle Unità speciali di continuità assistenziale regionali (le cosiddette «Uscar»), che si stanno occupando della vaccinazione dei nuovi arrivati. «Stiamo cercando di fare un lavoro di sensibilizzazione, ma non è facile. È evidente che le priorità di queste persone, ora, sono altre», spiega Pier Luigi Bartoletti, segretario della Fimmg Roma e coordinatore delle Uscar del Lazio.

Lavoro e scuola

Restano le agevolazioni per favorire l’introduzione di queste persone nel mondo del lavoro (i medici ucraini potranno esercitare anche in Italia) e l’integrazione dei ragazzi attraverso la scuola. Al momento sono già migliaia gli studenti fuggiti dall’Ucraina già inseriti nel sistema scolastico italiano e il ministero dell’Istruzione milioni di euro per il supporto alle istituzioni scolastiche coinvolte nelle attività di iniziale mediazione linguistica e socio-culturale.

La macchina degli uffici immigrazione

La mobilitazione per l’accoglienza dei profughi passa anche per la complessa macchina della burocrazia messa in moto ormai da settimane. Una mole che, secondo i sindacati di polizia, comincia a pesare. «Il carico di lavoro degli uffici immigrazione delle questure, già da tempo in sofferenza, si è aggravato con l’arrivo dei rifugiati ucraini. Adesso rischiamo un clamoroso stop di tutte le pratiche sul territorio nazionale se non saranno prorogati i contratti in scadenza dei 1.400 lavoratori somministrati che operano negli uffici immigrazione delle questure e delle prefetture oltre alle commissioni territoriali», denuncia la Silp Cgil annunciando la protesta in piazza lunedì prossimo a Roma.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti