ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùSanità

Firmato il contratto degli infermieri: aumenti da 117 a 171 euro al mese

Interessati 544mila dipendenti della sanità. Gli aumenti in busta paga arriveranno verosimilmente ad autunno inoltrato

di Gianni Trovati

Firmato il contratto degli infermieri: aumenti da 117 a 171 euro al mese

2' di lettura

È arrivata la firma sul contratto 2019/2021 dei 544mila dipendenti della sanità. Una firma dal valore pratico, che produce sullo stipendio base aumenti fra i 54 e i 98 euro lordi al mese a seconda della posizione economica; ma anche dal valore simbolico, perché il contratto mette in campo quell’indennità aggiuntiva che la legge di bilancio 2020, quella del governo Conte-2, aveva finanziato per premiare la categoria schiacciata dall’emergenza Covid: si tratta di un extra mensile fra i 62,81 e i 72,79 euro, che porta quindi a oscillare gli aumenti dai 117 ai 171 euro al mese.

L’intesa

A spianare la strada verso l’accordo è stata l’intesa sui fondi aggiuntivi che ha portato all’atto di indirizzo-bis della scorsa settimana con cui le risorse per il contratto sono arrivate a 1.256 milioni per finanziare anche i nuovi ordinamenti professionali e il mini-sblocco dei fondi accessori. Fra gli ultimi ritocchi anche la previsione che basta la laurea triennale, e non quella magistrale come nelle precedenti bozze del contratto, per accedere a incarichi e posizioni organizzative. Una mossa, questa, chiesta a gran voce dai sindacati per evitare di escludere da questa chance gli infermieri, titolari della laurea triennale come richiedono gli ordinamenti.

Loading...

Le carriere

Il testo, in linea con le previsioni della manovra, rivede anche gli ordinamenti professionali e le carriere del personale sanitario. Sul primo versante la nascita dell’area del personale «di elevata qualificazione», lo scalino tecnico immediatamente precedente alla dirigenza, porta a cinque i livelli del personale che si completano con «personale di supporto», «operatori», «assistenti» e «professionisti della salute». A scandire le carriere sul piano economico, secondo il meccanismo già costruito per ministeri, agenzie fiscali ed enti pubblici delle Funzioni centrali, saranno poi i «differenziali stipendiali» che anche in sanità sostituiranno le vecchie progressioni verticali. Le cifre collegate a queste «promozioni» cambiano a seconda dell’inquadramento, e valgono 500 euro per il personale di supporto, 600 per gli operatori, 850 per gli assistenti e 1.000 per i funzionari.

I tempi per gli aumenti in busta paga

La firma non porterà però cambiamenti immediati in busta paga. Perché per far arrivare aumenti, arretrati e indennità Covid bisognerà attendere il via libera di Ragioneria e Corte dei conti: e l’esperienza recente delle Funzioni centrali (e di Palazzo Chigi, ancora in attesa del contratto 2016/18) insegna che bisognerà verosimilmente attendere l’autunno inoltrato.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti