il calendario fiscale

Fisco, versamenti sospesi nel lockdown: ecco chi e come li può spalmare su due anni

Il primo 50% va pagato in una o quattro rate dal 16 settembre. Il resto, fino a 24 rate, a partire dal 16 gennaio 2021

di Giuseppe Morina e Tonino Morina

Santacroce: “Incentivi e Iva: così il fisco può aiutare la sanità

2' di lettura

Il decreto Agosto, con la formula «salvo intese tecniche», prevede un’ulteriore rateazione dei versamenti sospesi. In pratica, in base agli articoli 126 e 127 del decreto legge 34/2020 (decreto Rilancio), i versamenti possono essere effettuati, senza sanzioni e senza interessi, per un importo pari al 50% delle somme oggetto di sospensione, in unica soluzione entro il 16 settembre 2020 o mediante rateazione, fino a un massimo di quattro rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16 settembre 2020. Il restante 50% delle somme dovute può essere effettuato, senza sanzioni e senza interessi, mediante rateazione, fino a un massimo di 24 rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata, entro il 16 gennaio 2021.

I versamenti sospesi di cui agli articoli 126 e 127 riguardano diversi contribuenti quali, ad esempio:

Loading...

- le imprese turistico – ricettive, agenzie di viaggio e turismo, tour operator, federazioni sportive nazionali, società sportive, professionistiche e dilettantistiche, soggetti che gestiscono stadi, impianti sportivi, palestre, ricevitorie del lotto, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, bar e pub, aziende termali, onlus e altri soggetti; per questi contribuenti, sono sospesi dal 2 marzo 2020 al 30 aprile 2020 i versamenti delle ritenute sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria; la sospensione si allunga di ulteriori due mesi, dal 2 marzo 2020 fino al 30 giugno 2020, per le federazioni sportive nazionali, associazioni e società sportive, professionistiche e dilettantistiche; sono sospesi anche i versamenti Iva in scadenza nel mese di marzo 2020;

- i contribuenti esercenti impresa, arte o professione con ricavi o compensi non superiori a 2milioni di euro nel periodo d’imposta 2019; per questi contribuenti, sono sospesi i versamenti da autoliquidazione che scadono nel periodo compreso tra l’8 marzo e il 31 marzo 2020, relativi alle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e sui redditi assimilati; all’Iva; ai contributi previdenziali e assistenziali e ai premi per l’assicurazione obbligatoria;

- i contribuenti con ricavi o compensi non superiori a 400mila euro nel periodo d’imposta 2019; per questi contribuenti, i ricavi o compensi percepiti nel periodo compreso tra il 17 marzo 2020, e il 31 maggio 2020, non sono assoggettati alle ritenute d’acconto da parte del sostituto d’imposta, a condizione che nel mese precedente non siano state sostenute spese per lavoro dipendente o assimilato.

Con la nuova norma, si può fare l’esempio di un contribuente che ha un debito di 48mila euro, che intende pagare a rate. Egli potrà pagare il 50% del debito, cioè 24mila euro, in 4 rate mensili di 6mila euro ciascuna, a partire dal 16 settembre 2020, fino al 16 dicembre 2020; l’altro 50% lo pagherà in 24 rate mensili, di mille euro ciascuna, a partire dal 16 gennaio 2021 (sabato, che slitta a lunedì 18 gennaio), fino al 16 dicembre 2022.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti