ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùle divisioni nel governo

Flat Tax, Regioni, salario minimo: tutti i temi di scontro tra Salvini e Di Maio

di Manuela Perrone e Gianni Trovati


default onloading pic
(Ansa)

3' di lettura

Esaurita la forza propulsiva di reddito di cittadinanza e quota 100, con il faro di Bruxelles che resta acceso sui conti pubblici italiani, l’alleanza gialloverde si è inceppata. Con il contratto ridotto a scatola vuota, i fronti di scontro moltiplicati e l’eterno mediatore, il premier Giuseppe Conte, trasformato in asse con Luigi Di Maio nel rivale diretto di Matteo Salvini. Il vicepremier leghista, che dopo le europee è diventato l’azionista di maggioranza nel Governo, ha indicato con chiarezza i tre temi su cui non può accettare “no”: l’autonomia, la riforma della giustizia e la manovra (leggasi flat tax). Tre campi minati sui quali l’incidente è sempre dietro l’angolo.

LEGGI ANCHE / La linea di Mattarella: tutelare il bilancio

L’ennesimo vertice previsto per oggi sulle autonomie ieri ha impegnato Conte in una nuova girandola di riunioni con il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti e la titolare degli Affari regionali Erika Stefani per limare ulteriormente l’ultima proposta sulla scuola, che dopo avere abbandonato l’idea dei ruoli regionali ha infiammato il confronto sulla possibilità per gli enti territoriali di finanziare con risorse proprie quote aggiuntive dei fondi decentrati. La questione istruzione è cruciale anche per definire gli aspetti finanziari delle autonomie, tornata sui tavoli delle riunioni serali a Palazzo Chigi con i tecnici di Via XX Settembre impegnati a trovare una soluzione anche sul fondo di perequazione chiesto a gran voce dai Cinque Stelle e osteggiato dalla Lega.

LEGGI ANCHE / Salvini-Di Maio, che fare? Costi e benefici di una eventuale crisi di governo

Ma sui tavoli torna prepotente anche la riforma delle Province. L’occasione è stata la presentazione, ieri a Roma, di una ricerca Upi secondo cui la riforma Delrio ha prodotto risparmi reali per soli 16 milioni, 26 centesimi a italiano. Anche qui la distanza fra Lega e M5S è massima. Il Carroccio chiede di tornare alle province con funzioni piene ed elezione diretta di consiglieri e presidenti, cancellando la giungla degli enti intermedi che spesso si sovrappongono alle attività provinciali. Il tavolo tecnico-politico tra Mef e Viminale aveva prodotto un’ipotesi di riforma, su cui è caduto il veto del leader M5S Di Maio. «È un altro no di cui non si comprende la ragione», tuona il sottosegretario leghista all’Interno, Stefano Candiani. «Ora bisogna decidere», rilancia la ministra Stefani. Ma il pressing arriva anche dai sindaci: in 1.550 hanno già firmato un ordine del giorno a sostegno degli enti di area vasta che sarà presentato la settimana prossima in Conferenza Stato-Città.

Se i Cinque Stelle hanno sminato in commissione l’iter del decreto sicurezza bis, che dunque lunedì approderà in Aula alla Camera per la discussione generale e che va convertito in legge entro il 14 agosto, il clima è tornato rovente sulle infrastrutture. Mentre ieri Salvini puntava ancora il dito sui «cantieri bloccati per 10 miliardi» e il destino della Tav è ancora da verificare, il ministro Danilo Toninelli confermava che l’iter della Gronda di Genova è sospeso, «perché è in corso di avanzamento il procedimento amministrativo che potrebbe portare alla revoca della concessione di Aspi». Ovvero di Autostrade, la società controllata da Atlantia, coinvolta nel salvataggio di Alitalia nonostante gli attacchi del M5S ai Benetton. Attacchi mai condivisi dalla Lega, così come la decisione di togliere l’immunità penale ad ArcelorMittal che ha reso di nuovo nebuloso il futuro dell’Ilva di Taranto.

Le divergenze sulla politica industriale sono pari a quelle sulla giustizia (la riforma promessa dal Guardasigilli Alfonso Bonafede non è pronta per il Consiglio dei ministri di oggi) e soprattutto sul lavoro. Il salario minimo caro a Di Maio rimane indigesto per la Lega e per le parti sociali. Il fatto che sia stato citato da Ursula von der Leyen nel suo discorso a Strasburgo ha acuito le tensioni tra i pentastellati, che l’hanno votata anche per le sue dichiarazioni sull’ambiente, e i leghisti, che hanno scelto di non sostenerla. Una frattura, quella in Europa, che avvicina i Cinque Stelle alle grandi famiglie europeiste, socialisti compresi, e li allontana da Salvini. Politicamente e programmaticamente. Non proprio un buon viatico per il futuro confronto sulla legge di bilancio, su cui pende già l’avvertimento di von der Leyen: «La Commissione che presiederò monitorerà molto da vicino la situazione in Italia».

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...