con flixtrain

Flixbus sbarca sui treni: dopo Germania tocca a Francia e Svezia

Flixtrain esce dai confini tedeschi e punta a espandersi in Europa. Prossime tappe: Svezia e Francia

di Marco Morino


default onloading pic

2' di lettura

Dai bus low cost ai treni low cost. Flixbus, dopo i successi che l’hanno portata in pochi anni a diventare un colosso del trasporto su autobus, sbarca sui binari, intenzionata a ripetere anche nel settore ferroviario un’identica esperienza. Flixbus da tempo si è trasformata in Flixmobility e, al suo interno, ha creato la divisione Flixtrain, attiva dal 2018 in Germania.

Nel paese di origine della compagnia, Flixtrain ha già conquistato un milione di passeggeri, con la solita formula del biglietto che parte da 10 euro, per collegamenti che vanno da Stoccarda a Berlino e da Colonia ad Amburgo, collegando varie città intermedie e sfruttando i trasporti effettuati di notte. Sempre in Germania, nella primavera 2020 è previsto il lancio di un nuovo collegamento tra Stoccarda e Amburgo.

Ora però Flixtrain esce dai confini tedeschi e punta a espandersi in Europa. Prossime tappe: Svezia e Francia. È di ieri la notizia che i primi Flixtrain svedesi saranno operativi a partire dalla prima metà del 2020 sulle rotte Stoccolma-Malmö e Stoccolma-Göteborg. «In Svezia - spiega la compagnia - stiamo assistendo a una domanda crescente di collegamenti ferroviari: con Flixtrain vogliamo garantire ai passeggeri svedesi un’alternativa per tutte le tasche, affidabile e di qualità, contribuendo allo stesso tempo alla transizione verso il trasporto sostenibile attualmente in atto».

LEGGI ANCHE / Addio ai treni diesel, è l’ora dell’idrogeno

Poi c’è la Francia. Nella primavera del 2019, Flixtrain aveva già reso nota la volontà di entrare sul mercato ferroviario francese, ora in procinto di essere liberalizzato. L’autorità nazionale di regolazione aveva chiesto alle parti interessate di condividere i propri piani 18 mesi prima dell’inizio delle operazioni e sta attualmente verificando, su richiesta, la fattibilità su alcune rotte selezionate. Il mercato ferroviario francese sarà liberalizzato a partire dal 2021: Flixtrain valuterà le possibilità di entrare nel mercato francese nel 2020, quando dovrà presentare la domanda ufficiale. Secondo l’agenzia specializzata FerPress, le linee potrebbero essere la Parigi-Bercy-Nizza, la Parigi-Austerliz-Bordeaux, la Parigi-Bercy-Tolosa e forse anche la linea ParigiNord-Bruxelles Nord. In Germania, Flixtrain opera attualmente con vetture Deutsche Bahn leggermente rinnovate. La flotta che consentirà l’espansione imminente in Germania e all’estero sarà una combinazione di ulteriori carrozze completamente rinnovate e treni nuovi di zecca.

LEGGI ANCHE / L’Alta velocità Usa corre con l’ingegneria made in Italy

Interpellata dal Sole 24 Ore, la compagnia esclude al momento di debuttare con i treni low cost anche in Italia. Al riguardo, nel nostro Paese, si ricorda il caso di Arenaways, che tentò di inserirsi in alcune nicchie di mercato, immaginando un servizio intercity tra Torino e Milano che poi non è mai stata in grado di realizzare.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...