ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùl’outlook di aprile

Fmi: «Italia in stagnazione». E taglia la stima di crescita 2019 allo 0,1%

di Gianluca Di Donfrancesco


Lagarde: l'economia mondiale rallenta ma no recessione a breve

4' di lettura

WASHINGTON - Stagnazione o quasi, ma non recessione. È questo il futuro che il Fondo monetario internazionale vede per l’Italia nell’Outlook di aprile sull’economia globale, diffuso stamattina a Washington. Se l’Ocse si è spinta fino a stimare una contrazione del Pil per il 2019 (-0,2%), l’Fmi continua a vedere per l’Italia una crescita dello 0,1%, contro lo 0,6% calcolato a gennaio e l’1% di ottobre 2018.

GUARDA IL VIDEO / Lagarde: l'economia mondiale rallenta ma no recessione a breve

La debole Italia
Confermate le previsioni per il 2020, quando la crescita del Paese dovrebbe risalire allo 0,9%. Con la raccomandazione (valida anche per Francia e Spagna) a ricostruire gradualmente margini di bilancio (fiscal buffers) per evitare di riaccendere la spirale negativa tra banche e rischio sovrano e a decentralizzare la contrattazione salariale per riallineare i salari alla produttività del lavoro. «Un periodo prolungato di alti rendimenti dei titoli pubblici – avvisa il Fondo - aumenterebbe lo stress sulle banche, con conseguenze sull’attività economica e sulla dinamica del debito». Il Fondo ha anche peggiorato le sue previsioni s finanza pubblica per l’Italia: il deficit/Pil nell'anno in corso dovrebbe attestarsi al 2,7% e non più all'1,7% calcolato in autunno mentre il debito salirà al 133,4% del Pil.

GUARDA IL VIDEO / Le previsioni di gennaio: Fmi taglia le stime del Pil, Italia e Brexit rischi globali

Per il Fondo, l’Italia, che sconta anche la debole domanda interna e il calo degli investimenti, è tra i fattori che stanno zavorrando l’Eurozona “oltre le attese”, insieme al calo della fiducia di consumatori e imprese, alle incertezze della Brexit e alla crisi dell’auto tedesca. Il capo economista del Fondo, Gita Gopinath, ha sottolineato che l’alto debito pesa sugli investimenti, ma ha preferito non esprimersi sull'ipotesi di flat tax: «Aspettiamo di avere tutti gli elementi». Più in generale, ha esortato a bilanciare le misure espansive con l'attenzione ai conti pubblici.

Frenata globale
Dopo il rallentamento della seconda metà del 2018, l’economia mondiale quest’anno crescerà del 3,3% (-0,2% rispetto alle stime di gennaio), per tornare al 3,6% nel 2020. Un quadro peggiore delle attese, in parte a causa delle tensioni commerciali: i dazi Usa contro la Cina, sottolinea il Fondo, si sono fatti sentire.
Le correzioni al ribasso rispetto alle stime di aprile riguardano tutti i principali Paesi e le aree geografiche. Marcato il rallentamento Usa, dove si sta spegnendo la spinta delle misure fiscali volute dal presidente Donald Trump: il Pil rallenterà dal 2,9% del 2018 al 2,3% nel 2019. La frenata si accentuerà nel 2020 (1,9%), quando si cominceranno a sentire invece gli effetti negativi di parte di quelle stesse misure. Che, ribadisce il Fondo, alimenteranno il deficit delle partite correnti Usa: «Questo potrebbe aggravare le tensioni commerciali».

PREVISIONI DEL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALI

Variazioni % del Pil 2018 e proiezioni 2019 e 2020. (<b>Fonte: World Economic Outlook</b>)

L’Fmi torna invece a ribadire il contributo alla crescita derivante dal commercio e invita a smantellare le barriere erette e a preservare il sistema multilaterale della Wto.

Prosegue il rallentamento della Cina, che passa dal 6,6% del 2018 al 6,3% del 2019. In un contesto di frenata generalizzata, brilla ancora una volta l’India, che accelera dal 7,1% dell’anno scorso al 7,3% del 2019 e al 7,5% del 2020.

Eurozona: più integrazione
La crescita nell’Eurozona rallenterà dall’1,8% del 2018 all’1,3% quest’anno (lo 0,3% in meno rispetto alla stima di gennaio). Nel primo semestre del 2019 si potrebbe assistere a una ripresa, con crescita all’1,5% per il 2020. Forte correzione per la Germania, che crescerà dello 0,5% in meno del previsto e si fermerà allo 0,8%. Berlino, suggerisce il Fondo, dovrebbe usare i margini di bilancio di cui dispone per aumentare gli investimenti pubblici oppure per ridurre il cuneo fiscale, misure che aiuterebbero anche a riequilibrare il surplus commerciale. Si conferma, invece, il buon momento della Spagna, in crescita del 2,1%.
Per reagire, il Fondo raccomanda maggiore integrazione: «Una risposta sincronizzata» in termini di politiche di bilancio, avrebbe un impatto più forte su tutta l’area. Occorre poi, ribadisce l’Fmi, completare l’Unione bancaria e continuare la pulizia dei bilanci del settore.
Dato che nell’Eurozona l’inflazione resta ben al di sotto del target e i salari crescono poco, la politica monetaria, suggerisce il Fondo, «dovrebbe restare accomodante». Sono quindi «benvenute» le recenti mosse della Bce.
Nel caos della Brexit, il Regno Unito smarrisce lo 0,3% del Pil: nel 2019 la crescita si fermerà all’1,2%.

I rischi
Per l’Fmi, una rapida soluzione delle tensioni commerciali, con una tregua duratura tra Cina e Usa, potrebbe dare una spinta alla crescita, ripristinando fiducia in imprese e investitori. Su questo scenario prevalgono però i rischi di un ulteriore deterioramento della congiuntura: «Una escalation degli attriti sul commercio, con l’associato aumento dell’incertezza politica, potrebbe indebolire la crescita ancora di più». C’è insomma il pericolo di un netto peggioramento delle aspettative dei mercati, con la conseguente fuga dagli asset più rischiosi e ampliamento degli spread.
Ad innescare uno scenario del genere potrebbe essere anche una Brexit senza accordo, oppure una situazione di «prolungata incertezza sui conti pubblici e di rendimenti elevati in Italia, soprattutto se associati con una recessione più profonda, con possibile effetto contagio su altre economie dell’Eurozona».
Un altro fattore di rischio per l’economia globale potrebbe arrivare da un rapido cambio di valutazione dei mercati sulla politica monetaria degli Stati Uniti. Come dire che se gli investitori si rendessero conto di aver puntato troppo sulla cautela della Fed, potrebbero avviare una correzione dolorosa.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...