No profit

Fondazione Bocelli: in dieci anni raccolti oltre 36 milioni

di Silvia Pieraccini

default onloading pic
  È situata nel cuore di Firenze nel famoso palazzo barocco “San Firenze”

3' di lettura

Festeggia i dieci anni di attività con nuovi progetti la Fondazione Andrea Bocelli (Abf), trasferitasi da poche settimane in una sede prestigiosa nel capoluogo toscano: il complesso barocco di San Firenze, a due passi da Palazzo Vecchio, dove fino al 2012 c’era il tribunale.

Il Comune ha assegnato in concessione gratuita per 29 anni il secondo piano dell’edificio all’istituzione no-profit promossa dalla famiglia Bocelli, che ha come missione quella di offrire opportunità di riscatto e crescita a chi è povero, analfabeta, malato o emarginato. Abf ha restaurato i 500 metri quadrati di spazi che ora accolgono gli uffici operativi e il nuovo GlobaLab, un laboratorio che vuole aiutare i giovani (il target è 16-25 anni) a esprimere le proprie potenzialità, capire cosa fare nel futuro e quali opportunità cogliere nei vari campi del sapere. «È una casa dei giovani che servirà a dar vita al loro talento - spiega Laura Biancalani, presidente di Fondazione Abf - un centro vocazionale per capire che cosa voler essere da grandi». L’obiettivo è in linea con quello della Fondazione che punta a stimolare l’empowering di persone e comunità.

Loading...

L’attività del GlobaLab partirà nelle prossime settimane con workshop virtuali aperti a tutti gli studenti (il primo sarà ad aprile) e poi con la selezione di leader e promoter destinati a entrare nel comitato esecutivo del laboratorio, già formato da personaggi come Stefania Giannini, vice direttore generale Unesco per l'Educazione; Mike Ferry, imprenditore e motivational speaker; Beatrice Venezi, direttore d’orchestra; il cantautore Giovanni Caccamo; l’artista e educatore Max Frieder; il sindaco di Firenze Dario Nardella. «Faremo un concorso di idee per selezionare due giovani fiorentini che staranno al tavolo di lavoro», annuncia Biancalani.

Accanto alle attività educative innovative del GlobaLab, Abf prosegue quelle “classiche” di raccolta fondi e assistenza ai più deboli. La pandemia è stata l’occasione per mostrare la forza di penetrazione. «Il 2020 è stato un anno che è andato oltre le aspettative - spiega la presidente - quando è scoppiata la pandemia stavamo costruendo l’Accademia della Musica a Camerino (poi inaugurata il 1 ottobre scorso, ndr) e siccome l’ospedale della città marchigiana da un giorno all’altro era stato trasformato in ospedale-Covid e aveva bisogno di attrezzature, abbiamo cominciato a donare ventilatori polmonari, mascherine e camici. Nei mesi successivi tanti fan di Andrea Bocelli ci hanno mandato dispositivi di protezione che abbiamo regalato agli ospedali di Firenze, Pontedera, Versilia, Massa, Genova, a residenze sanitarie e associazioni di volontariato: è stato un momento di grande legame col territorio».

Per i progetti di emergenza sanitaria la Fondazione ha raccolto in tutto circa 1,5 milioni. Passato il primo lockdown è ripartito il progetto di “scuola in ospedale” tramite la didattica a distanza (dad), ed è stato avviato un nuovo progetto per migliorare la dad sia in ospedale che a casa, dotando gli studenti di uno stesso device che diventa il libro di scuola e coinvolgendoli nella costruzione di una piattaforma digitale.

Ora, in attesa delle celebrazioni per i primi dieci anni di attività, si fanno i primi bilanci. Dal 2011 al 2021 Abf ha raccolto più di 36 milioni di euro, con un’accelerazione negli ultimi cinque anni (si è oscillato sempre tra 5-7 milioni). I soldi sono serviti per costruire nove scuole ad Haiti e in Italia (nelle zone terremotate); fornire assistenza sanitaria di base e acqua potabile a popolazioni bisognose; fare progetti contro l'Hiv; dare accesso all'istruzione; varare il progetto “Voices of Haiti” che aiuta 60 studenti a esprimere liberamente le proprie capacità.

«Quando io e la mia famiglia abbiamo creato la Fondazione Andrea Bocelli nel 2011 – ha spiegato il tenore nato a Lajatico, un paesino in provincia di Pisa - siamo stati ispirati dalla gioia e dall’amore dei fan di tutto il mondo. La nostra passione nel sostenere le persone e le comunità è stata incanalata nell’ultimo decennio in un’organizzazione che è cresciuta oltre i miei sogni più sfrenati. Abf rappresenta uno dei punti salienti della mia vita».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti