I sostegni

Fondazione di Sardegna aumenta le erogazioni del 12%

di Davide Madeddu

2' di lettura

Dall'arte agli interventi per il sostegno alla salute, continuando con lo sviluppo locale e il volontariato con un piano di erogazioni che sfiora i settanta milioni. Crescono le risorse messe in campo dalla Fondazione di Sardegna (fondazione bancaria azionista del gruppo Bper e con una significativa partecipazione in Cdp) per sostenere le iniziative nei differenti settori presentate, sia dal pubblico sia da organizzazioni private. Nello specifico le risorse previste dal piano triennale valgono circa 67 milioni , con una crescita, rispetto al passato, che supera il 12%.

«L'impegno finanziario della Fondazione per i prossimi anni segna un incremento del 12% rispetto ai volumi di erogazioni previsti nel triennio precedente 2020-2022 – chiarisce Carlo Mannoni, direttore generale della Fondazione –. Ciò è stato reso possibile dal pieno raggiungimento degli obiettivi di redditività finanziaria e gestionale con un avanzo superiore rispetto all'ipotesi di chiusura dell'esercizio 2020 previsto dal DPA 2021».

Loading...

I settori relativi all’erogazione dei contributi riguardano “Arte, attività e beni culturali”, “Volontariato, filantropia e beneficenza”, “Salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa” “Sviluppo locale”.

Punto di partenza i Bandi Pluriennali dedicati ai settori dell'Arte e del Volontariato finanziati con 7,2 milioni di euro nel triennio e i Bandi annuali che stanziano 4,345 milioni per i settori dell'Arte, della Salute, dello Sviluppo locale e del Volontariato.

Nel dettaglio, gli stanziamenti per i Bandi Pluriennali, per il triennio, prevedono per “Arte, attività e beni culturali” 5.100.000 euro, mentre per “Volontariato, filantropia e beneficenza” 2.100.000 euro.

La ripartizione settori dei Bandi Annuali prevede per “Arte, attività e beni culturali” 1.395.000 euro, per “Volontariato, filantropia e beneficenza” 1.000.000 euro, per “Salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa” 900.000 euro e per lo “Sviluppo locale” 1.050.000 euro. Nella predisposizione delle risorse, come sottolinea il direttore generale, rimane confermata l'attenzione «verso il sociale, i territori e i temi della sostenibilità».

A tutti i progetti e i finanziamenti che saranno messi in campo, si aggiungono le iniziative in corso realizzate con le Università e con il mondo della Scuola.

«La Fondazione prosegue, inoltre, il suo impegno nella valorizzazione della propria missione attraverso l'integrazione sistematica di criteri ispirati a valori di sostenibilità, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile previsti dall’Agenda 2030 - chiariscono ancora -. L'evoluzione della piattaforma informatica per le Richieste on line) rientra in quest'ottica e consentirà di gestire in modalità totalmente digitale i flussi deliberativi e tutte le attività e le comunicazioni tra la Fondazione e gli interlocutori esterni: dalla registrazione delle domande di contributo, alla consultazione del percorso dei progetti finanziati, per arrivare alla rendicontazione, garantendo così tracciabilità, verificabilità e sicurezza dei dati». A certificare l’attenzione per i territori, poi, l’apertura, avvenuta tempo fa, nella sede di Cagliari e in quella di Sassari dello “Spazio Cdp” in cui è prevista la presenza dei referenti di Cassa depositi e presiti che “avranno l'obiettivo di potenziare e fornire supporto integrato a soggetti sia pubblici che privati facendo sistema delle diverse esigenze e aumentando la coesione con il territorio”.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti