fondi europei

Fondi di garanzia: in bilico 350 milioni di risorse Ue in sette regioni. La Sardegna la più esposta

di Giuseppe Chiellino


default onloading pic
(Gerardo Borbolla - stock.adobe.com)

2' di lettura

C’è un pacchetto di 350 milioni di euro di fondi europei che sette regioni italiane rischiano di perdere. Quella che rischia di più è la Sardegna che ha in ballo 200 milioni di euro, ma nell’elenco ci sono anche Abruzzo, Basilicata, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Molise e Veneto, esposte chi più chi meno per qualche decina di milioni. La vicenda riguarda il periodo 2007-2013. Si trascina da mesi e finora era rimasta sottotraccia. Ma ora che si è giunti ai conti finali della vecchia programmazione, è riemersa destando qualche preoccupazione.

Si tratta degli importi del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) che le regioni hanno destinato ai fondi di garanzia sui quali c’è una divergenza di tipo regolamentare tra la Dg Regio della Commissione Ue da una parte e le autorità italiane (Agenzia per la Coesione e Dipartimento per la coesione) dall’altra.

Il nodo, spiega un addetto ai lavori, è nell’applicazione delle regole sulla rendicontazione delle spese: la lettera del regolamento sembra indicare la possibilità di rendicontare le intere garanzie erogate mentre la Commissione ha dato una interpretazione più restrittiva riducendo le spese rimborsabili al solo ammontare accantonato a copertura delle stesse garanzie. Nelle scorse settimane «la Dg Regio ha richiesto un parere al servizio giuridico della Commissione. Per il momento - spiegano a Bruxelles - non è stato possibile avvicinare le rispettive posizioni».

Nei confronti della Sardegna è stato contestato l’importo destinato al fondo di garanzia, considerato eccessivo rispetto al contesto economico della regione. «Ma il fondo ha funzionato e ha ruotato due volte» affermano le autorità regionali.

La risposta del servizio giuridico non dovrebbe tardare visto che la riga finale per i conti 2007-2013 è ormai questione di settimane.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...