sviluppo rurale

Fondi Ue, l’agricoltura italiana rischia di perdere 435 milioni

I soldi non spesi entro tre anni dallo stanziamento tornano a Bruxelles

di Alessio Romeo

default onloading pic
(OLYCOM)

I soldi non spesi entro tre anni dallo stanziamento tornano a Bruxelles


2' di lettura

«Se è vero che i soldi parlano, l’unica cosa che gli ho sentito dire è: addio». È la battuta di un film che riassume purtroppo anche il rapporto tra l’Italia e i fondi europei. Tra un paio di settimane a dire addio potrebbe essere circa mezzo miliardo di finanziamenti pubblici destinati all’agricoltura attraverso i piani regionali di sviluppo rurale.

Mentre il governo è impegnato a Bruxelles in un difficile negoziato sulla riforma della Politica agricola comune (nuovo ministro, nuova Commissione, ipotesi di partenza 385 milioni in meno all’anno per un totale di 2,7 miliardi dal 2021 al 2027), l’Italia rischia di perdere subito 435 milioni (250 provenienti dalla Ue e il resto dal cofinanziamento nazionale). A tanto ammontano, secondo i dati aggiornati al 30 novembre, le risorse da spendere entro il 31 dicembre, pena il loro disimpegno automatico.

Spreco di risorse
La regola sull’utilizzo dei fondi europei prevede infatti che i soldi non spesi entro tre anni dal loro stanziamento tornino automaticamente nelle casse di Bruxelles. Nonostante la solita corsa contro il tempo è impossibile che le regioni ritardatarie (soprattutto al Sud, dove sono anche maggiori i budget dei piani) riescano a spendere tutto. Soprattutto considerando la (mancata) capacità di spesa mostrata fino a oggi. È anche vero che al 31 ottobre la cifra a rischio superava i 750 milioni, quindi nell’ultimo mese ne sono stati spesi più di 300. Tra le regioni messe peggio c'è la Puglia, con oltre 200 milioni a rischio, quasi la metà del totale. A seguire Sicilia (ancora 75 milioni da spendere entro l'anno), Basilicata (40 milioni), Abruzzo (35), Campania (30 milioni che l'amministrazione regionale ha assicurato di poter erogare), Liguria (27) e Marche (6). Le altre regioni hanno tutte raggiunto in anticipo i propri obiettivi di spesa.

Lentezza delle procedure
Tra le ragioni del cattivo funzionamento della spesa dei fondi europei per lo sviluppo rurale, il cosiddetto “secondo pilastro” della Pac (accanto al primo rappresentato da aiuti diretti al reddito e misure di mercato) non c'è solo la lentezza delle procedure amministrative (in particolare nell'emanazione dei bandi e nelle istruttorie delle domande di contributo) ma anche, come sottolinea Confagricoltura, «una programmazione che non ha tenuto conto dei reali fabbisogni delle imprese».

Se è vero che in Italia non si compra più un nuovo trattore senza l'incentivo del cofinanziamento pubblico, sarà bene riflette re su come impostare la prossima programmazione 2021-2027.

Intanto il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, ha scritto alla ministra delle Politiche agricole, Teresa Bellanova «per sollecitare l’urgenza e la rilevanza della situazione, proponendo l'istituzione di un tavolo specifico partecipato da organizzazioni agricole e regioni per indirizzare al meglio l’attività nelle prossime settimane, evitando per quanto possibile il disimpegno ma anche per programmare azioni efficaci per l’immediato futuro».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti