ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCorsa alla spesa

Fondi Ue, regole più flessibili per chiudere i programmi 2014-2020

Il 15% delle risorse potrà essere spostato da una priorità all’altra e fino al 20% dei fondi allocati a progetti in chiusura potrà essere spostato sul settennato 2021-2027

(Anadolu Agency via AFP)

1' di lettura

Regole più flessibili per la chiusura dei programmi 2014-2020 finanziati dalla politica di coesione. Lo ha annunciato la commissaria alle Politiche regionali, Elisa Ferreira. Questa maggiore flessibilità, ha spiegato la commissaria, consentirà nel 2023 (ultimo anno utile per spendere i fondi strutturali del periodo 2014-2020) di spostare il 15% degli investimenti previsti in un determinato programma da una priorità a un’altra. Inoltre, ha aggiunto Ferreira, sempre nell’ottica di non perdere risorse, il 20% degli importi relativi a progetti in chiusura il prossimo anno potrà essere spostato sulla programmazione 2021-2027.

La decisione arriva mentre, da un lato, si chiude il ciclo di programmazione dei fondi strutturali 2014-2020 e, dall’altro, nel 2023, si apre quello 2021-2027. Per molti Paesi, compresa l’Italia, questo significa una corsa alla spesa per non perdere i fondi dei vecchi programmi prima dell’arrivo della nuova ondata di risorse dai piani appena approvati, a cui si aggiungeranno anche quelle messe a disposizione per il Piano nazionale di ripresa e resilienza grazie al Next Generation Eu.

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti