Food24

Rigoni di Asiago: ecco perché scommettiamo sulla frutta bio bulgara

  • Abbonati
  • Accedi
agroindustria

Rigoni di Asiago: ecco perché scommettiamo sulla frutta bio bulgara

Rigoni cresce in Bulgaria e inaugura una nuova camera frigo da 1.200 tonnellate di frutta biologica surgelata. Il totale degli investimenti agricoli e industriali del Gruppo Rigoni di Asiago (120 milioni di euro di fatturato previsti nel 2017) nel Paese balcanico ha superato così i 27 milioni di euro. Una scelta strategica, quella di iniziare lì la produzione di frutta bio per marmellate e succhi che poi verrà lavorata nello stabilimento italiano di Foza, nell'altopiano di Asiago. In Bulgaria il processo di transizione all'economia di mercato, che ha avuto inizio dopo la caduta del regime comunista nel 1989, ha sistematicamente trascurato l'agricoltura. I terreni agricoli oggi rappresentano circa 6,2 milioni di ettari, per una percentuale del 55% della superficie del paese, con 4,3 milioni di ettari di seminativi e 1,7 di prativi permanenti. La penuria di infrastrutture, inoltre, ha finito col mantenere inalterato e incontaminato il verde. Il nuovo programma economico che ha fatto seguito alla penuria di cereali e al tracollo del settore bancario del 1996 ha influenzato anche la politica agricola: dalla metà del 1997 quest'ultima persegue la creazione di un regime agricolo competitivo e fortemente orientato all'esportazione.

Una tassazione alle imprese del 10% e il basso costo della mano d'opera, infine, ne fanno un luogo ideale. Soprattutto per le coltivazioni bio: i terreni abbandonati per oltre 30 anni sono infatti ormai privi delle sostanze chimiche pesantemente utilizzate in passato. Tanto che il Governo Bulgaro ha avviato un programma di sostegno “Agricoltura biologica” (misura 11) per il periodo 2014-2020 che prevede due sottomisure per finanziare le coltivazioni biologiche. E il numero dei produttori bio in Bulgaria registra una crescita significativa: dagli 820 nel 2010 sono diventati 6.173 nel 2015. Nello stesso periodo c'è stata una crescita del 50% anche nel settore della trasformazione dei prodotti bio. Così come per i terreni coltivati ad agricoltura biologica, che sono aumentati dall'1,1% nel 2013 al 2,4% nel 2015 (secondo i dati presentati durante la tavola rotonda, organizzata da Bulgarian Industrial Association e la fondazione “FAEL” - “Produzione e marketing dei prodotti biologici in Bulgaria”).
Rigoni di Asiago è presente in Bulgaria già dal 1993. “Abbiamo iniziato – racconta Andrea Rigoni, amministratore delegato dell'azienda – alla ricerca di miele, che in Italia iniziava a scarseggiare. Solo in un secondo momento abbiamo pensato alla possibilità di creare marmellate, dapprima con i frutti spontanei che crescevano copiosi negli abbondanti boschi e poi con coltivazioni nostre”.

Rigoni nel corso degli anni ha così consolidato e sviluppato la sua posizione nel Paese, investendo e costituendo diverse società nel settore agroalimentare: Ecoterra, Biofruta e Biotop che si occupano della produzione e della commercializzazione di frutta biologica e svolgono le loro attività su 1.400 ettari, in parte situati nella provincia di Montana, Berkovitsa, nei pressi del confine con la Serbia, e parte nella zona di Pazardzhik, centro agricolo tra Sofia e Plovdiv. Qui i terreni sono coltivati con fragole, more, lamponi, ribes e uva spina, mentre i frutteti producono mele, prugne, ciliegie, amarene, albicocche e noccioli.
A Pazardzhik, dal settembre del 2004, è in funzione uno stabilimento per la prima lavorazione e surgelazione dei prodotti, che sorge su un'area di oltre 12mila mq di cui 7mila coperti. Nel 2010 è stato effettuato un ulteriore investimento di circa 4 milioni di euro, che ha portato la capacità produttiva ad oltre 3mila tonnellate annue di frutta surgelata. Altri investimenti in macchine ottiche, laser, metal detector hanno aumentato la qualità della produzione e la capacità produttiva.
Nel 2017 quest'ultima supera ormai le 4mila tonnellate per la produzione di frutta surgelata intera, succo, polpa e purea. E sono appena terminati i lavori per la realizzazione di altri 1.600mq di stabilimento con la realizzazione, appunto, dell'ultima camera frigo a -22 gradi (la numero 8) per una capacità di conservazione frutta surgelata di 1.200 tonnellate che porta la capacità di conservazione dello stabilimento a 2.600 tonnellate totali.
Attualmente le società bulgare realizzano quindi il ciclo completo della produzione agricola dalla messa in vivaio delle piante, alla coltivazione delle piantagioni fino alla surgelazione dei prodotti raccolti
Le numerose varietà di frutta coltivate in pieno campo, scelte per le loro qualità organolettiche e nutritive, raccolte al grado ottimale di maturazione e surgelate nell'arco di qualche ora dalla raccolta, sono destinate a diventare l'ingrediente principale della confettura Fiordifrutta. Le società bulgare impiegano 80 persone fisse e diverse centinaia di operai agricoli stagionali, con punte di 800 nei periodi di raccolta da maggio ad ottobre. “Non pensiamo al momento – conclude Rigoni – a ulteriori sviluppi, ma a un consolidamento dei risultati. Anche perché nel Paese vi è carenza di mano d'opera”. Il problema riguarda soprattutto la campagna, dove non è infrequente il lavoro non in regola: molti preferiscono dichiararsi disoccupati, usufruendo del sussidio statale, per poi andare a lavorare in nero presso aziende locali. “Da noi, invece, lavorano regolarmente e da diversi anni molte donne rom, che in Bulgaria sono stanziali ma emarginate. E' un progetto sociale, oltre che imprenditoriale”. L'impiego di lavoratrici rifiutate da altre imprese, infatti, è per Rigoni anche una missione di integrazione. “Le nostre lavoratrici rom hanno un impiego stabile, una paga giornaliera nella media nazionale, oltre a contributi, assicurazione e assistenza sanitaria. Per questo molte lavoratrici sono con noi da oltre dieci anni. La nostra filosofia aziendale è di garantire il rispetto non solo dell'ambiente, ma anche di chi ci lavora. E' difficile, ma è l'unico sistema che ripaga a lungo termine anche l'azienda: quando trattati con rispetto i terreni producono frutti migliori e i lavoratori si fidelizzano”.

© Riproduzione riservata