Food24

L’Odissea gastronomica (e letteraria) del Mediterraneo: tutte…

  • Abbonati
  • Accedi
Ristoranti

L’Odissea gastronomica (e letteraria) del Mediterraneo: tutte le tappe da Venezia a Corfù

La cucina di Marina Beska? Un'Odissea gastronomica. Itinerante, conviviale, letteraria, epica. Che attraversa l'Egeo e lo Ionio, ripercorrendo idealmente le tappe del viaggio di Ulisse, da Troia a Itaca.

La chef greca, ospitale come la ninfa Calipso e la bella Nausicaa, anima con i piatti della tradizione la più antica taverna di Corfù, tra l'ex ghetto ebraico e la Fortezza Nuova, quartiere storico con influenze veneziane, a ricordare i feudi dell'isola assegnati ai nobili della Serenissima, poi il dominio di Venezia nel ‘700.

Il cibo? Un atto di diplomazia culturale

«Corfù è da sempre punto d'incontro tra popoli diversi. E allora ecco la mia missione: ripensare il Mediterraneo, tornando ad avvicinare le sue sponde», spiega chef Beska. Come? Con un'azione di diplomazia culturale. Un souvlaki (spiedino di lonza) accostato a un cubotto di suino nero dei Nebrodi, ad esempio, un dolce al cucchiaio a base di yogurt e limone a un cremoso di ricotta con zuppetta di fichi d'india e pistacchio di Bronte. Oppure moussakà, insalata greca, pastitsada, tzatziki, melanzane in tegame con feta e menta, bourdeto con pesce di scogliera in salsa piccante («deriva dal brodeto alla veneziana e racchiude tutte le sfumature del Mediterraneo orientale»), coniugati con i sapori diretti e sinceri della Magna Grecia: Sicilia, Calabria, Puglia. Ouzo e Zibibbo. Un'apoteosi. Con tanto di accompagnamento letterario: tra un piatto e l'altro, brani di “A tavola, storie di cibi e vini”, a cura di Andrea Mattacheo per Einaudi. Per raccontare che il cibo è istinto di sopravvivenza, identità e desiderio.

Med Taste da Venezia a Corfù

MedTaste è un'idea che parte da Venezia con Marco Polo System, gruppo europeo di interesse economico nato per recuperare il patrimonio culturale (e intangibile) dell'area mediterranea. Ispirato dagli studi e dai libri dello scrittore Predrag Matvejevic, per la sua indagine profonda sull'identità delle culture mediterranee e la loro storia, è stato costitutito nel 2000 quando era sindaco Massimo Cacciari.

Marco Polo System lungo le antiche rotte

«Questo progetto gastronomico rappresenta l'azione pilota della European Silk Road - Marco Polo Routes, un network già attivo in diversi territori del bacino mediterraneo, per rilanciare il dialogo e la cooperazione lungo le antiche rotte» spiega l'amministratore di Marco Polo System Pietrangelo Pettenò. Fra i partner alcuni municipi greci (Corfù, Nestoros, Monemvasià), la Lega italiana dei diritti dell'uomo, Assonautica, fondazioni croate e albanesi impegnate nella progettazione internazionale. «MedTaste è un'occasione per triangolare suggestioni e storie tra Grecia, Magna Grecia e Venezia – aggiunge Alberto Cotrona, project manager dell'iniziativa - utilizzando le nostre radici, i nostri prodotti e le nostre tradizioni come forma di comunicazione culturale».

Le tappe del viaggio

Prima tappa del viaggio Nicosia, al Baglio San Pietro, accanto allo chef Hermes Picone: insieme hanno trasformato il bourdeto alla corfiota in un sontuoso primo made in Italy. Poi nella cucina di Ferro di Cavallo, tempio della gastronomia palermitana dei fratelli Ciminna. La prossima è una sosta obbligata: ieri Marina Beska è stata a Crotone, greca per antonomasia, sorella omerica di Corfù (Alcinoo, il re dei Feaci, era fratello di Kroton). La città in cui Pitagora creò la sua scuola filosofica. A Le stanze al Porto del giovane chef Gaetano Nicoletta, il livecooking è organizzato dalla giornalista Gabriella Cantafio. Si parte con verdure pastellate in salsa tzatziki e pita greca al posto del pane. Il giorno dopo, appuntamento al Parco d'arte Alt Art di Rende (Cosenza): la performance ai fornelli coinciderà con la mostra di Enzo Palazzo, dedicata alle connessioni tra Grecia e Magna Grecia, tra il bello artistico e il buono da mangiare.

“Sofrito” corfiota in Puglia

In Puglia, il 18 novembre, lezione alla MedCooking School di Ceglie Messapica (Brindisi), struttura collegata ad Alma, Scuola internazionale di cucina italiana. Sarà un'intera giornata di training interattivo sulla cucina greca, promosso dal Comune e dalla Camera di Commercio di Brindisi. Fra le ricette il Sofrito, piatto corfiota: vitello in casseruola con salsa al vino bianco. «Quest'Odissea gastronomica mi ha permesso di unire sapori diversi e nuovi modi di cucinare, altri tempi di cottura, altri aromi, tagli, acidità. Di fare fusion mediterranea. E di misurarmi con abitudini per me inconsuete. Le vostre portate, per esempio! - esclama la chef alle prese con i precetti del pranzo all'italiana, così come li ha codificato a fine ‘800 Calistro Craveri - Noi in Grecia serviamo tutto insieme, dall'insalata alle paste, dai pesci ai formaggi alle carni. Qui il cerimoniale è rigoroso, c'è un ordine preciso da rispettare che trasforma il servizio a tavola in un bellissimo rituale».

© Riproduzione riservata