Food24

Dossier Foodracers va in provincia. 12 aperture nel 2018 e punta a 80 città…

  • Abbonati
  • Accedi
Dossier | N. 15 articoli Food delivery

Foodracers va in provincia. 12 aperture nel 2018 e punta a 80 città per il 2020

Il food delivery cresce nella profonda provincia italiana con Foodracers, che oggi copre 25 città in 7 diverse Regioni e che punta allo sbarco in almeno 80 città tra Nord e Centro Italia entro il 2020. Un obiettivo ambizioso per la startup italiana che a due anni dalla costituzione ha già ottenuto una valutazione di 6 milioni di euro. Il modello di business vincente rimane la presenza fuori dalle grandi città. «Foodracers è l'unica realtà del food delivery che sta andando a coprire sempre più le province e i numeri danno ragione a questa strategia – rimarca il cofondatore e ad Andrea Carturan - Entro la fine dell'anno sono previste 12 nuove aperture e stiamo cercando di coinvolgere gli utenti nella scelta delle prossime città: abbiamo lanciato un appello attraverso i canali social per capire quali capoluoghi sentano maggiormente la mancanza di un servizio come il nostro».

Food delivery di periferia
In effetti da una recente analisi curata da Coldiretti emerge un significativo utilizzo del servizio in Italia, prevalentemente nella fascia 25/34 anni, con circa 4,4 milioni di persone (l'8% degli intervistati) che ha utilizzato nel 2018 almeno una volta al mese il food delivery. La ricerca evidenzia però uno squilibrio di copertura tra le grandi città, nelle quali l'offerta prolifera, e le periferie.
L'obiettivo di Foodracers è quello di colmare questa carenza. «A settembre apriamo Imola, Faenza, Cantù e Novara – riferisce Carturan – poi in altre 6 città». La copertura al momento è concentrata sul Nord e nel 2019 sono previsti 25 nuovi sbarchi ad occupare l'area centrale della penisola. «Abbiamo riscontrato una maggiore disponibilità dei ristoratori del Nord a provare servizi di food delivery – chiarisce l'ad – Forse perché al Sud i margini sono più bassi o forse per modelli di consumo differenti. In ogni caso noi lavoriamo sulle cittadine di provincia e quindi l'utilizzo del servizio è in generale meno sentito rispetto ai grandi centri. Per questo noi arriviamo con azioni mirate, cercando di adattare il nostro approccio alle singole realtà».

Transazioni a 3,6 milioni in 12 mesi
A oggi Foodracers conta 90mila clienti e 900 ristoranti affiliati nelle 25 città servite. «In due anni 807 Racers hanno già consegnato oltre 200mila ordini e il numero dei clienti continua a crescere – riferisce l'azienda - Solo tra gennaio e giugno 2018 si contano 15mila nuovi user, così come si moltiplicano i ristoranti che scelgono di legarsi a Foodracers con un rapporto di esclusiva».
Solo negli ultimi 12 mesi sono stati gestiti circa 140mila ordini per un valore complessivo delle transazioni 3.635.000 euro, con una crescita mensile media del 10%. E così oggi i dipendenti sono 18 e i Racers – soprattutto ragazzi tra i 18 e i 24 anni, che mediamente danno 3 giorni di disponibilità a settimana - sono oltre 500. Il fatturato negli ultimi 12 mesi attraverso la App ha superato i 560mila euro, con una crescita rispetto al 2016 del 93%.

© Riproduzione riservata

>