Food24

Parma, a settembre 4 serate per scoprire giardini segreti e gourmet

  • Abbonati
  • Accedi
MUSICA E LECCORNIE

Parma, a settembre 4 serate per scoprire giardini segreti e gourmet

Quando si parla di Parma, le prime associazioni di idee sono quelle con cibo e musica: Parma è la capitale della Food Valley italiana, tanto da essere stata la prima città italiana selezionata da UNESCO per l'ingresso nel network delle Città Creative della Gastronomia, ed è la città che ha dati i natali a due geni come Giuseppe Verdi, celebrato ogni anno a ottobre con il Festival Verdi, e Arturo Toscanini. Pochi sanno però della connotazione verde della città ducale, che è disseminata di incantevoli giardini. Proprio per valorizzare questo patrimonio, proponendo al contempo Parma come destinazione turistica ideale per foodie e melomani, l'esperta di bird gardening Angela Zaffignani ha ideato il progetto “Giardini Gourmet”: l'appuntamento è per ogni venerdì del mese di settembre.

“Giardini Gourmet” si inserisce nel programma di “Settembre Gastronomico”, iniziativa fortemente voluta dal Comune di Parma in collaborazione con Consorzi di Tutela e molte importanti aziende alimentari del territorio per promuovere una cultura gastronomica d'eccellenza.


A partire dal 7 settembre, per quattro venerdì, alcuni giardini esclusivi della città di Parma saranno eccezionalmente aperti al pubblico, per momenti di incontro all'insegna dei buoni sapori e della musica. Ogni serata avrà carattere itinerante: ci si sposterà tra vari giardini, ognuno dei quali caratterizzato da una sua proposta gastronomica e musicale. A curare la proposta gastronomica di ogni serata sarà l'associazione Parma Quality Restaurants, presieduta dallo chef Enrico Bergonzi, che riunisce una trentina di rappresentanti dell'alta cucina parmense.La partecipazione alle serate di Giardini Gourmet, che si svolgeranno anche in caso di maltempo, è esclusivamente su prenotazione, per un massimo di 100 persone a evento. Il costo è di 35 euro, più diritti di prevendita: i biglietti sono disponibili online su www.vivaticket.it

Settembre Gastronomico
Ma Parma sarà il paradiso indiscusso dei foodie per tutto il mese di settembre, grazie alla kermesse Settembre Gastronomico, promossa dal Comune di Parma e dalla Fondazione Parma Unesco City of Gastronomy, sotto la regia di Parma Alimentare e della associazione Parma, io ci sto! Ad aprire idealmente la rassegna sarà la suggestiva Cena dei Mille. Martedì 4 settembre il centro storico della città ducale si trasformerà in un ristorante gourmet sotto le stelle. Ad allietare i 1.000 ospiti attesi sarà un menu studiato dallo chef parmigiano stellato Massimo Spigaroli e dai ristoratori di Parma Quality Restaurants, l'associazione che riunisce la migliore espressione dell'alta cucina parmense.
Alla serata parteciperanno anche alcuni chef in rappresentanza dell'associazione Chef To Chef, che riunisce i 50 migliori chef dell'Emilia-Romagna, accomunati dall'obiettivo di favorire l'evoluzione della gastronomia regionale e la sua affermazione a livello nazionale e internazionale: i piacentini Isa Mazzocchi e Filippo Chiappini Dattilo e i reggiani Gianni D'Amato e Andrea Vezzani. Guest chef sarà Carlo Cracco, che proporrà una sua creazione.
La “Cena dei Mille” avrà uno scopo benefico, con fondi raccolti a favore dell'Emporio Solidale di Parma.


Tutti gli appuntamenti

Venerdì 7 settembre
La serata inaugurale di “Giardini Gourmet” muoverà dal Giardino di Palazzo Soragna, in passato rifugio cittadino del principe Guido IV Meli Lupi e oggi sede dell'Unione Parmense degli Industriali: uno spazio verde dove spiccano un olmo dalla chioma principesca, un prorompente gelsomino, abeti, mirti, oleandri e, nella stagione della fioritura, splendide rose rosse. Qui il momento dell'aperitivo sarà allietato dalla pianista Serena Fava. Ci si muoverà poi nel giardino del complesso storico delle Orsoline, nato nel Seicento come educandato e poi trasformato in collegio delle nobili. La selezione musicale sarà a cura dell'arpista Carla They. La serata si concluderà presso l'Orto Botanico dell'Università di Parma, con un Ginkgo biloba del 1791, affascinanti ambienti acquatici e un erbario rinomato. A esibirsi in concerto sarà il Trio Farnese. Il menu della serata avrà come fil rouge il Prosciutto di Parma DOP, in collaborazione con il Consorzio di Tutela.

Venerdì 14 settembre
La seconda serata è in collaborazione con Rodolfi Mansueto e Mutti: il menu studiato dagli chef del Parma Quality Restaurants sarà infatti ispirato all'oro rosso. Quella del pomodoro è infatti una filiera in cui Parma esprime l'eccellenza. Il walking tour partirà dal Giardino dell'Antica Cereria, così chiamato perché, a metà Settecento, il Ministro del Ducato di Parma e Piacenza Guillaume du Tillot decise di far nascere una manifattura di candele, oltre alla Fabbrica reale di Maioliche e Vetri. Si farà poi tappa, nell'ordine, al Monastero della Santissima Annunziata, la cui costruzione fu avviata nel 1566, e, all'interno del Parco Ducale, vero e proprio polmone verde cittadino, con un'estensione di quasi 21 ettari, alle Serre della Limonaia e della Violetta, di inizio Novecento, che presentano caratteri stilistici Art Nouveau e che sorgono vicino al Palazzo Ducale. La colonna sonora della serata sarà a cura della pianista Svetlana Makedon e dei Regipsy Jazzensamble.

Venerdì 21 settembre
La terza serata partirà dal Convitto di Maria Luigia, nato già nel 1601 come Collegio dei Nobili, su iniziativa di Ranuccio Farnese, e più tardi annesso al Collegio Ducale proprio da Maria Luigia. Il giardino si caratterizza per le aiuole, ripensate negli anni Trenta, per le siepi di bosso che circondano una fontana tondeggiante e per un tempietto a otto colonne. Qui si esibirà il Quartetto Cosmopolitans. Per l'occasione, grazie alla disponibilità dell'Associazione “Amici del Maria Luigia” e al coinvolgimento degli studenti che qui frequentano il Liceo, sarà possibile effettuare una visita guidata del Convitto.
La serata proseguirà al Giardino Pizzarotti, all'interno del complesso dell'ex Convento San Cristoforo: un giardino nascosto allo sguardo, che si caratterizza per le aiuole, i vialetti bordati di rose, gli alberi da frutto, un altissimo lauro, corbezzoli, giuggioli, nespoli, ulivi e noccioli e per un sentore di rosmarino e lavanda, in prossimità del muro di cinta. La selezione musicale sarà curata dal Jumping Jive Quartet Jazz. La serata si concluderà poi negli spazi verdi dell'Orto Botanico, già toccato in occasione della serata inaugurale di “Giardini Gourmet”.

L'offerta gastronomica sarà variegata, con gli chef del Parma Quality Restaurants che interpreteranno in modo creativo due eccellenze parmensi come la pasta e le conserve ittiche. La serata è in collaborazione con “Le Alici a Parma”, network che riunisce Delicius Rizzoli, Isola d'Oro, Rizzoli Emanuelli e Zarotti, protagoniste del momento dell'aperitivo al Convitto di Maria Luigia, e con Barilla, che offrirà invece i momenti gastronomici nel Giardino Pizzarotti e all'Orto Botanico.

Venerdì 28 settembre
La grande chiusura del progetto è prevista per venerdì 28 settembre, con una serata che, sotto il profilo gastronomico, vuole essere una celebrazione del Re dei Formaggi, in collaborazione con il Consorzio di Tutela del Parmigiano Reggiano DOP. Si parte dal Giardino-Cortile di Palazzo Dalla Rosa Prati, affacciato su Duomo e Battistero che della città di Parma rappresentano il cuore sacro. Uno spazio suggestivo, con la sua facciata elegante, le balconate, i giochi di archi e gli affreschi interni. La serata proseguirà poi nei tre chiostri del Monastero di San Giovanni, le cui origini risalgono al X secolo anche se a definirne l'aspetto è oggi la facciata barocca. L'ultima tappa sarà nel cortile, caratterizzato da un bel sistema di chiostrini binati, della Pinacoteca Stuard, che occupa l'ala orientale dell'ex monastero benedettino di San Paolo. A curare i momenti musicali saranno il fisarmonicista Giovanni, I Solisti di Felino e la flautista Stefania Marusi.

© Riproduzione riservata