Food24

Ischia safari, 200 “maestri del gusto” per due giorni speciali

  • Abbonati
  • Accedi
16-17 settembre

Ischia safari, 200 “maestri del gusto” per due giorni speciali

Più di 200 interpreti della cucina italiana di tradizione riuniti per un grande evento che unisce glamour e sostegno ai giovani. I due chef ischitani Nino Di Costanzo e Pasquale Palamaro hanno fatto le cose in grande, riunendo per la quarta edizione di Ischia Safari chef stellati e cuochi di provincia, il pizzaiolo riconosciuto come il migliore al mondo e quello che ama definirsi Pizzaricercatore, grandi pastrychef da ristoranti blasonati e giovani creativi e un po' disruptive, interpreti autentici della pizza napoletana e macellai dediti alla ricerca della carne migliore.
Il 16 e il 17 settembre i due ideatori di Ischia Safari hanno voluto convocare sull'isola un ampio parterre di artisti e artigiani dei sapori italiani, tutti figli della stessa tradizione “perché dietro ogni chef c'è sempre una nonna o una mamma che ritorna - rimarcano Di Costanzo e Palamaro - ricordi che riaffiorano e che a Ischia si potranno ritrovare in tante golose proposte, un tuffo nell'ampio patrimonio enogastronomico alla base della nostra cultura identitaria”.

Chef a sostegno dei giovani
La bontà è protagonista a Ischia non solo per il food di eccellenza che verrà servito ai partecipanti, ma soprattutto per la causa alla base del progetto: sostenere i giovani, i futuri cuochi di domani, ovvero gli studenti meritevoli degli Istituti alberghieri italiani. Dopo Ischia e Spoleto, quest'anno il raccolto andrà ad una scuola alberghiera siciliana, perché è la Sicilia il territorio al centro delle diverse interpretazioni d'autore.
Così domenica 16 settembre, nella baia di Indaco del Regina isabella, si terrà il Charity Gala Dinner, l'appuntamento più glam in riva al mare con un imperdibile percorso di tentazioni (in quattro flight) che vedrà ai fornelli Andrea Migliaccio e Salvatore Elefante de L'Olivo di Capri, i fratelli Cerea del Da Vittorio di Brusaporto, Gaetano Trovato di Arnolfo a Colle Val d'Elsa, Gennaro Esposito e Carmine Di Donna della Torre del Saracino di Vico Equense, Giancarlo Morelli del Pomiroeu di Seregno, Giuseppe Biuso de Il Cappero di Vulcano, Giuseppe Costa de Il Bavaglino di Terrasini, Nino Di Costanzo del Danì Maison di Ischia, Paolo Barrale del Marennà di Sorbo Serpico, Pasquale Palamaro di Indaco a Lacco Ameno, Pino Cuttaia della Madia di Licata, Remo Capitaneo di Enrico Bartolini Milano.

Serata pop al Parco Termale Negombo
Lunedì 17 sarà invece festa grande al Parco Termale Negombo, con un centinaio di Chef in rappresentanza della Campania ma anche di Trentino, Lombardia, Veneto, Toscana e Lazio, 30 pasticceri giovani e meno giovani, 20 pizzaioli (Napoli fa la parte del leone, ma sono rappresentate anche Roma, Bologna, Verona e Milano).
Con un carnet dal prezzo decisamente abbordabile (50 euro) si possono assaggiare 30 “invenzioni” gastronomiche realizzate dai protagonisti della cucina italiana accompagnate da 5 degustazioni di vino. Sul fronte enologico saranno rappresentati produttori locali, come le Cantine Mazzella, Casa D'Ambra, Pietratorcia, Tommasone, Crateca, Cenatiempo e La Pergola, assieme a grandi cantine piemontesi, venete, toscane, pugliesi e, naturalmente, siciliane.
L'elenco di tutti i protagonisti, i costi di accesso e le informazioni tecniche sono sul sito Ischia safari.

© Riproduzione riservata