Food24

Ristoranti con veranda: dove si mangia in vetrina o con vista su giardini…

  • Abbonati
  • Accedi
A MILANO

Ristoranti con veranda: dove si mangia in vetrina o con vista su giardini zen

La veranda è quella via di mezzo tra il giardino all'aperto e un ristorante con caminetto, gastronomicamente parlando. Ma urgono spiegazioni: il ristorante con veranda è un trench da mezza stagione, utile per questo clima autunnale non ancora troppo rigido, se pensiamo a un parallelismo con la moda. Sì, perché la veranda permette di osservare il paesaggio esterno, stando comodamente accovacciati su morbide poltroncine in rattan con un piatto fumante davanti a sè, quasi in una sorta di dependance del ristorante. Sempre più apprezzati, tanto da diventare ricercati, Milano si sta riempiendo di ristoranti con veranda.

La Veranda del Derby Grill di Monza
Iniziamo con una nuova apertura con la Veranda del ristorante Derby Grill all'interno dell'Hotel De La Ville, che quest'anno festeggia 60 anni di gestione della famiglia Nardi. Il regno dello Chef Fabio Silva, si amplia di un nuovo spazio, più luminoso, con grandi vetrate e arredi che richiamano atmosfere coloniali. La Veranda, idealmente separata da tre eleganti librerie orientali, accoglie anche nuova versione del Derby Bar ‘Library & Veranda', con un'ottima selezione di cocktail e appetizer gourmet.

La Veranda del Four Seasons
In un antico palazzo d'epoca, in via del Gesù, nel cuore del Quadrilatero della moda, il ristorante gourmet La Veranda all'interno del Four Seasons di Milano si affaccia sul curato giardino interno. Qui si degustano i piatti ideati da Vito Mollica, executive anche del Palagio, al Four Seasons di Firenze. E per chi ha il coraggio di staccare lo sguardo dal giardino, sarà ricompensato da un giro goloso nella Chocolate Room, un'intera stanza ricoperta di cioccolato e allestita dal pastry chef Daniele Bonzi.

Da Noi In
In via Tortona, un bel e rigoglioso cortile interno che si apre in estate e si chiude come una veranda in inverno, negli spazi dell'Hotel Magna Pars. Al ristorante Da Noi In, poltrone e divanetti accolgono in un'atmosfera rilassata e ci si può perdere nel Liquidambar, il lounge bar dove vengono organizzati aperitivi olfattivi a base di 39 cocktail pensati per l'occasione e ispirati alle altrettante note olfattive dell' hotel (una per ogni suite) disponibili presso il LabSolue, il Perfume Laboratory del Magna Pars, che ricorda l'azienda di profumi dentro cui è stato ricostruito e ripensato.

Innocenti Evasioni
Un po' defilato, in zona Portello, lo stellato di Tommaso Arrigoni si forma da un'ampia veranda che permette a tutti i tavoli del ristorante di ammirare il giardino zen interno, mentre si degustano piatti dal forte impatto gustativo. Risulta divertente tornare almeno una volta per ogni stagione, per vedere cambiare i colori e le piante del giardino.

Vista Darsena
Lounge bar e caffetteria, proprio a pelo d'acqua della Darsena sui Navigli: all'aperto in estate, si chiude con una veranda pied dans l'eau durante la stagione più fredda. Vista Darsena è il format più frizzante e conviviale del gruppoTerrazza Triennale sotto la direzione creativa dello chef Stefano Cerveni. Perfetto per un aperitivo assolutamente non formale a due passi dalla movida dei Navigli.

Al vecchio porco
Una trattoria sarda dedicata al maialino sembra non avere nulla di delicato. Eppure la sua veranda ha qualcosa di spettacolare, orlata di piante e tanti piccoli maialini dipinti o in materiali quali plastica e ceramica, un angolo di pace in una traversa della frenetica Via Sarpi (in via Messina all'8).

Lùbar
Caffè (possiamo definirlo letterario), bistrò e ristorante sotto una grande vetrata all'interno della Villa Reale di Milano, che che ospita la Galleria d'Arte Moderna, in Via Palestro al 16. Attorniato da piante, una cucina siciliana e grandi vetrate che abbracciano pavimenti originali del 700, una moderna orangerie che è un melting pot di culture.

© Riproduzione riservata