automotive

Ford, cambio al vertice dopo risultati deludenti

(REUTERS)

1' di lettura

Cambio al vertice di Ford. Il ceo di Ford Motor, Mark Fields, lascia il gruppo. Lo sostituirà James P. Hackett, al momento capo della controllata Ford Smart Mobility. La notizia, ora ufficiale, era stata anticipata da un’indiscrezione diffusa oggi dall’edizione online di Forbes. La riorganizzazione, argomenta Forbes citando una fonte vicina alla compagnia, è stata decisa in seguito alla perdita di fiducia da parte del presidente esecutivo Bill Ford e del resto del board nella leadership di Fields (56 anni).

Titolo deludente in Borsa
L’avvicendamento è legato alla performance deludente di Ford, le cui azioni hanno perso il 30% circa del loro valore da quando Fields è diventato amministratore delegato, nel luglio del 2014. Con la conseguenza di vedersi superare dal produttore di auto elettriche Tesla in termini di capitalizzazione borsistica. Proprio per cercare di rilanciare la redditività, secondo quanto emerso la scorsa settimana, Ford ha messo in cantiere un massiccio piano di tagli, che avrebbe ridotto di circa il 20 mila posti la forza lavoro occupata globalmente dal gruppo e che si aggiunge all’obiettivo di ridurre i costi di 3 miliardi di dollari già quest'anno.

Loading...

Hackett specialista in ristrutturazioni
Gli azionisti e il board preferiscono affidare il rilancio a Jim Hackett (62 anni), specialista in ristrutturazioni, che ha al suo attivo il rilancio del gruppo di forniture per ufficio Steelcase, che ha guidato dal 1994 al 2014. Hackett, che siede nel board di Ford, dal marzo 2016 guida la divisione di Ford (Smart Mobility) dedicata ai nuovi servizi di mobilità, dall'auto senza guidatore al ride sharing.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti