OVALE BLU

Ford India passa a Mahindra con una nuova joint venture

default onloading pic


2' di lettura

Ford e Mahindra firmeranno un accordo la prossima settimana per costituire una nuova joint venture in India, con una mossa che porterebbe la Casa americana a porre fine alla maggior parte delle sue operazioni indipendenti nel Paese. Le due società avevano da mesi strutturato l'accordo per creare una nuova entità in cui Ford avrebbe detenuto una partecipazione del 49% mentre a Mahindra sarebbe andato il 51%.
Passando a una joint venture Ford sta cambiando la sua decennale strategia in India, incentrata sulla gestione di un'operazione indipendente. Sotto la pressione degli azionisti per realizzare profitti, ha ristrutturato a livello globale le proprie attività con l'obiettivo di risparmiare 11 miliardi di dollari nei prossimi anni. A maggio 2017 il distributore locale di Ford Rival General Motors aveva chiuso le vendite in India (e Sudafrica), spostando le operazioni locali alla sola produzione di veicoli per l'esportazione. I due stabilimenti produttivi di Ford - a Chennai , nel sud dell 'India e a Sanand, nello stato occidentale del Gujarat, inaugurati nel 2015 - saranno trasferiti nella nuova joint venture, ma Ford manterrà lo stabilimento di motori a Sanand. La capacità produttiva annua massima combinata è di 440.000 veicoli. Le auto a marca Ford continueranno ad essere costruite e vendute in India ed esportate dalla nuova società.

In oltre 20 anni Ford ha investito oltre 2 miliardi di dollari in India, ma ha sempre dovuto affrontare un mercato dominato dai marchi locali come Maruti Suzuki che ha il 50% di quota. Ford attualmente produce e vende automobili in India tramite una consociata interamente controllata e ha una quota di circa il 3%. A marzo 2018 il produttore americano aveva stretto la prima di una serie di alleanze strategiche con Mahindra in base alla quale avrebbero sviluppato insieme nuove auto, SUV e varianti elettriche, soluzioni per auto connesse e condiviso powertrain.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti