ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLAVORO

Formazione professionale, allarme degli operatori: «GOL è a rischio se non si fa sistema»

Riuniti a Torino i principali player del settore che rivolgono un appello al nuovo Governo: «Vanno presi in carico in tempi brevissimi 5 milioni di disoccupati»

di Filomena Greco

(AdobeStock)

2' di lettura

Riunite a Torino le principali realtà della formazione professionale nell’evento Seminario Europa arrivato all’edizione numero 34, ideato dal CIOFS-FP ETS (Centro Opere Femminili Salesiani per la formazione Professionale) e organizzata con l'associazione di categoria FORMA a cui aderisce circa l’80% dei player del settore. Fino al 14 ottobre società ed esperti si confronteranno in particolare sul tema delle politiche attive e sugli obiettivi del piano GOL, il piano Garanzia di Occupabilità dei Lavoratori varato dal Governo uscente.

Il programma che punta all’inserimento lavorativo, tassello importante dell’investimento nazionale sul tema della riforma del sistema delle politiche attive del lavoro, rischia di restare al palo se non saranno maggiormente coinvolte gli operatori privati della formazione professionale. Il timore è che la dotazione economica sul piano possa sfumare perché non ci sono strutture adeguate a svolgere tutto il percorso. «Vanno presi in carico in tempi brevissimi 5 milioni di disoccupati» è l’allarme che lanciano gli operatori che nella giornata conclusiva dei lavori faranno un appello al nuovo Governo.

Loading...

«Manca ancora un modello organizzativo che renda efficiente l'attivazione del programma attraverso una costruttiva collaborazione tra enti preposti, ministeri di riferimento, regioni e quel privato sociale che si occupa di aiutare e formare per favorire l'occupabilità delle persone» scrivono gli organizzatori in una nota. L’unica via d'uscita, suggeriscono, è collaborare tra Regioni, Stato e realtà del terzo settore certificate che già fanno orientamento, formazione e seguono l'iter sino all'aiuto all'inserimento al lavoro.

Nella seconda giornata di lavori, il 13 ottobre, una trentina di relatori ed esperti discuteranno della opportunità che offre GOL. Accanto alla presidente del CIOFS-FP nazionale Manuela Robazza e alla presidente di FORMA Paola Vacchina saranno il governatore del Piemonte Alberto Cirio, Gianni Bocchieri Coordinatore del Nucleo PNNR Stato-Regioni e Anna Barbieri dell'unità Formazione Professionale, Tirocini e Formazione degli Adulti della Commissione Europea.

Nella giornata conclusiva, il 14 ottobre, ci sarà una tavola rotonda con Anita Pisarro, Direttore Generale del Ministero delle Politiche sociali e del Lavoro, Fabrizio Manca Direttore Generale per gli Ordinamenti Scolastici del Ministero dell'Istruzione, gli assessori di dieci regioni italiane, i vertici di INAPP, ANPAL e i rappresentanti di Confindustria, Confartigianato, Coldiretti e sigle sindacali.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti