E-PRIX

Formula E, Felix Da Costa su DS domina le prime due finali

É il più in forma e lo ha dimostrato aggiudicandosi sia la pole che la vittoria nelle prime due finali della sei previste per la chiusura della stagione 2019-2020. Intanto nel fine settimana sono previsti altri due Gp sempre sulla pista di Berlino.

di Corrado Canali

default onloading pic

É il più in forma e lo ha dimostrato aggiudicandosi sia la pole che la vittoria nelle prime due finali della sei previste per la chiusura della stagione 2019-2020. Intanto nel fine settimana sono previsti altri due Gp sempre sulla pista di Berlino.


3' di lettura

Da Costa ha dominato anche il secondo appuntamento della Formula E a Berlino. Il portoghese della DS Techeetah non ha avuto rivali e ha conquistato altri 28 punti, tra pole position e vittoria. Cinque mesi e mezzo fa, all'ultima gara prima del lockdown svoltasi a Marrakech in Marocco, ha vinto e si è preso la testa della classifica. Poi le prime due prove del trittico sulla pista ricavata all'interno dell'ex aeroporto di Tempelhof di Berlino, dominate sia in prova con miglior tempo e la pole che in gara in testa dall'inizio alla fine. Ed ora vede i rivali per la conquista del titolo sempre più lontani.

Un'ipoteca alla vittoria finale per Da Costa su DS
Con la seconda vittoria consecutiva, Da Costa ipoteca di fatto il titolo. Mancano soltanto quattro gare alla fine e il portoghese guida la classifica con 125 punti. Adesso, i suoi diretti inseguitori sono diventati Lucas Di Grassi (Audi) e Stoffel Vandoorne (Mercedes), entrambi a quota 57 punti. Ancora uno zero in classifica per Mitch Evans (Jaguar) che scende così al quarto posto, con 56 punti. I prossimi due appuntamenti con la Formula E si svolgono a Berlino, sabato 8 e domenica 9 agosto, sul tracciato originale che da sempre ha contraddistinto l'appuntamento stagionale di Tempelhof.

Antonio Félix da Costa (PRT), DS Techeetah, il vincitore salta sul podio

La prima gara e l'uscita di scena di Jean-Eric Vergne
Per 30 giri nella prima delle sei finali al secondo posto è rimasto a lungo il compagno di Da Costa nel team DS-Techeetah, il due volte campione il francese Jean-Eric Vergne. Che ha provato a tenere testa allo scatenato compagno di squadra, ma poi si è dovuto arrendere alla superiorità de portoghese. Ma probabilmente stava già scontando quei problemi di batteria che lo hanno poi fatto scivolare fin fuori dai punti, fino a quando è incappato un errore per cui ha chiuso al 20° posto. La lotta per il secondo l'ha vinta Andrè Lotterer su Porsche, con Sam Bird su Virgin.

Il patron della Formula E positivo al covid-19
Il patron e inventore della Formula E Alejander Agag è il secondo componente del paddock ad essere messo in quarantena dopo il team principal della Mahindra, L'ombra della pandemia quindi non risparmia nemmeno il gran finale a Berlino, dove è ripartita la F.E. Non ci dovrebbero essere conseguenze per il resto del paddock. Le poche persone autorizzate presenti a Berlino hanno effettuato il test sierologico non appena arrivati nella capitale tedesca e sono rimaste in quarantena obbligatoria per 36 ore in albergo prima di poter uscire.

Già presentato il calendario della stagione 2021
La formula elettrica ha già presentato il primo Campionato Mondiale, ovvero la settima stagione di Formula E che finalmente potrà assicurarsi questa denominazione. La competizione infatti ne ha tutti i requisiti, oltre che il via libera della Fia e dunque il prossimo anno non parleremo più solo di campione della categoria elettrica, ma potremo a tutti gli effetti incoronare il campione del Mondo. Il via al mondiale è previsto il 7 gennaio dalla pista di Santiago del Cile, mentre è confermata anche la tappa italiana una della più seguite dal pubblico della Formula E che si svolgerà nel centro di Roma il 10 di aprile 2021.

Dal 2022 il via alla nona stagione di Formula E
La nuova generazione delle monoposto di Formula E verrà introdotta nella stagione numero 9, nel 2022, così che le auto attuali, le Gen2, avranno un ciclo di quattro anni, con due sole omologazioni nel corso nel quadriennio in modo da ridurre ulteriormente i costi. Le Gen3 saranno auto più piccole, più leggere, ma con più potenza. Il che renderà le gare ancora più divertenti. E per le batterie si tornerà alle Williams che sostituiranno le attuali McLaren, mentre le gomme adottate da tutti i team sanno le coreane Hankook in sostituzione delle Michelin adottate dal debutto del mondiale per monoposto elettriche nel 2014.

Fra le novità in arrivo anche il ritorno dei pit stop
Torneranno i pit stop e serviranno a garantire una maggiore differenziazione delle strategie di gara. L'attuale incremento di potenza garantito dall'Attack Mode o dal FanBoost sarà dunque dato in una sosta. Che i tecnici delle Formula E non hanno immaginato del tutto simile a quelli della Formula 1, non si perderanno pochi secondi, ma saranno molto più lungi, perchè saranno molto funzionali anche al messaggio che tutti i costruttori presenti e altri in arrivo in Formula E vogliono trasmettere al grande pubblico. E cioè che le auto elettriche nei prossimi anni si potranno ricaricare in tempi che saranno sempre più rapidi.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti