GRAN PREMI ELETTRICI

Formula E: squadre, piloti e monoposto Gen 2. Tutto quello che bisogna sapere

di Giulia Paganoni


default onloading pic

2' di lettura

Il prossimo weekend prenderà avvio la quinta stagione del Campionato di Formula E. Tante le novità in programma, dai nuovi team all'introduzione della Gen 2 delle monoposto. Aerodinamica migliorata così come anche un motore elettrico da 280 cavalli e una batteria con una capacità che raggiunge i 54 kW, così da poter concludere gli ePrix senza il cambio auto a metà gara.

Squadre e piloti
Sono undici i team a schierarsi sulla griglia di partenza, per un totale di ventidue piloti.
Audi Sport Abt, squadra che ha vinto il titolo lo scorso anno, scenderà in pista con Daniel Abt e Lucas Di Grassi; Bmw i Andrioletti Motors con Antonio Felix Da Costa e Alexander Sims; Ds Techeetah con André Lotterer e il campione in carica Jean-Éric Vergne; Envision Virgin Racing con Sam Bird e Robin Frijns; Geox Dragon con José Maria López e Maximilian Günther; HWA Racelab con Stoffe Vandoorne e Gary Paffett; Mahindra Racing con Jérôme D'Ambrosio e Felix Rosenqvist; Nio con Tom Dillmann e Oliver Turvey; Nissan e.dams con Sébastien Buemi e Alexander Albon; Panasonic Jaguar Racing con Nelson Picquet Jr. e Mitch Evans; e Venturini con l'ex pilota di Formula 1 Felipe Massa ed Edoardo Mortara.

Monoposto Gen 2
Le monoposto che si sfideranno nella quinta stagione del Campionato di Formula E sono le Gen2. Queste hanno potenza di 250 kW (contro i 200 dello scorso anno) che permette uno scatto 0-100 km/h in soli 2.8 secondi e una velocità massima di 280 km/h contro i 225 della Gen1. La potenza massima utilizzabile in fase di qualifica è di 340 cv e di 272 in gara, quando però può essere attivato il “FanBoost” che porta a una potenza di picco istantaneo di 340 cv. Novità di quest'anno è anche l'activation zone, aree lungo il tracciato in cui i piloti possono accedere a una configurazione della monoposto da 306 cavalli.
Anche il design cambia con l'introduzione dell'halo, la protezione frontale per la testa del pilota che ha già debuttato nella stagione 2018 sulle monoposto di Formula Uno. E ci sono anche alcuni team che hanno presentato dettagli aerodinamici particolari, come Audi che sulla e-tron FE05 elimina l'alettone e affida la deportanza a un ampio estrattore. E per quanto riguarda le batterie (fornite da McLaren Applied Technologies) è stata raddoppiata la capacità passando da 28 kWh a 54 kWh mantenendo una massa di circa 375 kg, per un totale di circa 900 kg con il pilota.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti