E-PRIX

Formula E, l'ultima gara la vince la Bmw, ma titolo piloti e costruttori sono della DS

Jean-Eric Vergne bissa il titolo che aveva vinto l'anno scorso

di Corrado Canali


default onloading pic

3' di lettura

Ci siamo. Parte la gara che decide tutta una stagione di Formula E. Un'incertezza che è durata tutto l'anno e che continua anche negli 45 minuti più in giro di quello che è l'ultimo appuntamento stagione a New York. In pole per la prima volta c'è l'inglese Alexander Sims del team Bmw, davanti a Robin Frijns su Virgin Racing e terzo il vincitore della prima gara nella città della Grande Mela lo svizzero Sebastien Buemi su Nissan.

I due principali pretendenti al titolo partono, invece, nelle retrovie: il brasiliano Lucas Di Grassi su Audi Sport è undicesimo, marcato stretto dal francese Jean-Eric Vergne su DS Techeetah che dopo la disastrosa prima prova a New York, mantiene comunque 22 punti di vantaggio su Di Grassi che di sicuro darà il massimo per superarlo a fine gara. Terzo incomodo fra i due è Mitch Evans su Jaguar che però ha bisogno di una vittoria e del giro più veloce nel round finale sperando su delle battute d'arresto sia di Vergne che per Di Grassi.

Parte bene Sims ma è subito bagarre. Decimo di Grassi, dietro di lui Vegne che lo marca stretto. Ottavo Evans che spera sempre in qualche disavventura dei due che gli sono davanti. Si ferma Lotterer il compagnia di squadra di Vergne, ma entra la safety car perché è fermo in pista Maria Lopez della Geox. In qualunque gare della stagione è entrata in pista una safety car a dimostrazione di come la Formula E sia molto combattuta.

Riprende la gara, posizioni congelate con molti piloti che ne approfitta per prendere l'attake mode. Guadagnano posizioni dia Di Grassi che è nono e Vergne che lo segue è decimo, in zona punti. ABT l'altro pilota di Audi fa gioco di squadra in favore del compagno di squadra Di Grassi. Superata la metà della gara le posizioni sono quasi del tutto assestate soprattutto dei piloti in corsa per la vittoria finale.

Colpo di scena Frijun su Virgin passa in testa superando Sims, mentre Vergne perde una posizione rispetto a Di Grassi per non correre rischi di collisioni che lo penalizzerebbe per la vittoria finale. Zampata del campione in carico Vergne che si riguadagna la posizione dietro al rivale Di Grassi che guadagna posizioni, ora è settimo, mentre Vergne è nono.

Audi visto che sembra perso il titolo piloti sembra voler puntare su quello costruttori. Ma nulla è ancora deciso, fino alla bandiera a scacchi. A pochi minuti di gara cresce la tensione fra i piloti che si giocano la vittoria del campionato, mentre i tecnici ai box studiano qualche strategia per fare guadagnare posizioni ai loro piloti.

Finisce la gara con la vittoria Frijns su Virgin che precede Dims su Bmw e Buemi su Nissan che grazie a questo risultato guadagna la seconda posizione nel campionato vinto per la seconda volta consecutiva Vergne assicurando al team DS-Techteetah il titolo costruttori, una doppia vittoria anche per i colori francesi nel giorno di festa: il 14 luglio si celebra la Presa della Bastiglia. Proprio all'ultimo giro Di Grassi e Evans si autoeliminano con un crash che li esclude dalle posizioni di testa.

La Formula E torna il 22 di novembre per il primo appuntamento stagionale da dove era partita per la stagione che finisce qui e cioè in Arabia Saudita.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...