emergenza

Maltempo, Italia sferzata dalla pioggia: danni in Liguria e Campania, famiglie evacuate

Allerta rossa in diverse aree della Liguria. Nel Levante è esondato il Vara a Sesta Godano e a Borghetto Vara. Colpita Sestri Levante, danni anche a Sanremo. Cento famiglie evacuate per precauzione a Nocera Inferiore, nel salernitano


default onloading pic
(ANSA)

5' di lettura

Le piogge e il forte vento che da molte ore colpiscono gran parte della penisola stanno provocando esondazioni di fiumi e danni. La situazione è critica in diverse zone della Liguria. Nel Levante. dove l’Arpal ha diramato allerta rossa fino alla sera del 3 novembre da Portofino a Sarzana, è esondato il Vara in due punti. In località Sciarpato, nel comune di Sesta Godano, una famiglia è stata sfollata e altre due sono state trasferite ai piani alti di una palazzina. Il Vara è esondato anche a Borghetto Vara, allagando i campi sportivi tra il borgo e il fiume, e arrivando fino al carruggio principale dove adesso ci sono oltre 40 cm di acqua. Allagati

scantinati e piani terra. Alcune famiglie del borgo sono state fatte allontanare a scopo precauzionale dalle loro abitazioni e sono ospitate da parenti e amici. Allagato anche il paese di San Pietro Vara, nel comune di Varese Ligure . Allagamenti anche a Maissana. Il fiume minaccia anche direttamente Varese Ligure perché è arrivato a toccare uno dei ponti nel centro dell'abitato. L’esondazione del Vara ha causato anche la chiusura della strada statale 523 del Colle di Cento Croci al km 64. Sul posto sono presenti le squadre Anas e le Forze dell'Ordine per la gestione dell'emergenza e per il ripristino della normale circolazione nel minor tempo possibile.

Anche il torrente Petronio è esondato nel tratto tra Casarza Ligure e Riva Trigoso, località che attualmente è isolata; decine gli interventi del personale del comune. Chiuse alcune strade e la galleria per Moneglia.
Il sindaco di Sestri Levante, Valentina Ghio, ha chiesto ai concittadini di non uscire di casa. Molte le strade e le piazze allagate della cittadina ligure, mentre le precipitazioni continuano ad intensificarsi. A Lavagna, una tromba d’aria ha scoperchiato una palazzina e 9 persone sono state evacuate. Passeranno la notte fra il 3 e il 4 novembre presso alcune abitazioni messe a disposizione dal Comune. Sempre a causa del maltempo, una crepa si è aperta su un ponte nel comune di Albiano Magra, località al confine tra la provincia della Spezia e quella di Massa Carrara. Sul posto i tecnici Anas e i vigili del fuoco. A San Pietro di Frascati, nel comune di Castiglione Chiavarese, una donna è rimasta leggermente ferita a causa di una frana di fango caduta sulla sua casa. Sempre nel chiavarese, una imponente frana è caduta sulla strada per Costa di Bargone, schiacciando due auto e schiantando due antichi muri. Isolate una cinquantina di persone.

Forti piogge in Liguria e in altre regioni della Penisola

Forti piogge in Liguria e in altre regioni della Penisola

Photogallery32 foto

Visualizza

Nel Ponente, circa sessanta persone sono rimaste isolate per alcune ore in località San Pietro, a Sanremo, a causa della voragine che si è aperta sull'unica strada che conduce all'abitato. La Protezione civile ha poi creato un valico pedonale, che al momento resta l'unico passaggio per raggiungere la frazione. Sempre a Sanremo, una persona è stata sfollata dal proprio appartamento a causa delle numerose infiltrazioni dovute alla pioggia costante, mentre due giovani sono rimasti bloccati in auto in un sottopasso allagato.Nell'entroterra sanremese si è aperto un cratere sulla strada dei Due Valloni, mentre diversi alberi si sono schiantati sulle auto parcheggiate a Ventimiglia. Problemi anche nell’ospedale di Sanremo dove la pioggia ha otturato le grondaie esterne per lo scorrimento dell'acqua pluviale del nuovo blocco operatorio dell'ospedale Borea, con la conseguente infiltrazione che ha reso inutilizzabili le quattro camere operatorie. In caso di urgenze, i pazienti verranno spostati all'ospedale di Imperia. I tecnici sono già intervenuti e nella serata di domenica è in programma un secondo intervento che dovrebbe garantire il ripristino di due delle camere operatorie.

Pesante anche la situazione nel Mar Ligure: tra domenica e lunedì è attesa una forte mareggiata «con onde alte fino a 4 metri e una decina di secondi di 'periodo'». Lo hanno sottolineato l'assessore regionale alla Protezione civile Giacomo Giampedrone e la dirigente del centro meteo Arpal Francesca Giannoni. «Non crediamo che sarà una mareggiata paragonabile a quella che ha colpito la Liguria nel 2018, ma ci sono tutti gli elementi per prevedere disagi importanti», ha detto Giampedrone.

Campania: cento famiglie evacuate a Nocera Inferiore
Difficile la situazione anche in diverse località della Campania.
Il Comune di Nocera Inferiore, in provincia di Salerno, ha disposto in via precauzionale l'evacuazione di circa cento famiglie residenti nelle fasce pedemontane. L'ordinanza, firmata dal sindaco Manlio Torquato, è arrivata in seguito alla comunicazione della sala operativa regionale che segnalava il rischio di possibili alluvioni e di colate di fango. Sempre nel comune dell'agro nocerino sarnese è stato disposto l'obbligo di tenersi lontano dai corsi d'acqua e di non sostare le vettura in prossimità di sottopassi e corsi d'acqua. A causa di allagamenti, inoltre, è stata decretata la chiusura del cimitero cittadino. Stessa decisione è stata adottata anche a Sarno dove è stato ordinato anche il divieto di transitare nei parchi pubblici e nelle aree alberate.

Grossi problemi anche al servizio della Circumvesuviana: in particolare, come informa l'Ente Autonomo Volturno, a causa dell'allagamento dell'impianto di Scafati (Salerno), la tratta Pompei-Poggiomarino, in provincia di Napoli, è momentaneamente interrotta. Pertanto, i treni in partenza da Napoli per Poggiomarino limitano a Pompei. Per la caduta di alberi sulla sede ferroviaria, invece la linea Napoli-Sarno è interrotta tra le stazioni di Ottaviano a Poggiomarino. Il maltempo ha messo in crisi anche la viabilità stradale presso Corbara, sempre nel salernitano, dove è crollato un pezzo di strada a pochi metri dall’abitato. Il sindaco Pietro Pentangelo, in via cautelativa, ha firmato un'ordinanza urgente per il divieto di transito per i soli veicoli pesanti. Problemi anche al sottopassaggio che collega la città di Afragola (Napoli) alla stazione Tav dell'Alta Velocità: è stato completamente invaso dall'acqua. Alcune auto sono rimaste bloccate nell'acqua alta ma per fortuna non ci sono state conseguenze sulle persone.

Un piccolo smottamento si è verificato anche in Costiera amalfitana sulla strada provinciale che collega Ravello con Tramonti. A Salerno, invece, sono caduti alcuni alberi sul lungomare Trieste, ma non si registrano criticità allarmanti.

A causa del mare agitato Capri potrebbe rimanere isolata: l’ultimo traghetto, dall’isola alla terraferma, è partito nella tarda mattinata di domenica. Le condizioni meteo per la giornata di lunedì sono previste in via di peggioramento.

Vento e neve allo Stelvio, chiusa la statale
A causa di forti raffiche di vento e neve e per il pericolo di caduta sassi sulla carreggiata è stata chiusa al traffico nel pomeriggio di domenica, in entrambi i sensi di marcia, la statale 38 dello Stelvio in territorio comunale di Valdidentro (Sondrio). Lo rende noto Anas specificando che personale proprio e di una società sono sul posto per cercare di ripristinare al più presto possibile le condizioni di sicurezza necessarie a consentire la riapertura della strada.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...