Voli business

Fra green pass e tecnologie digitali, così i viaggi d’affari cambiano faccia

Le soluzioni per prendere un aereo in totale sicurezza e comodità nel rispetto delle restrizioni

di Gianni Rusconi

3' di lettura

Si torna a viaggiare. E a volare. Il traffico aereo non è certo ai livelli pre-Covid (in termini di numero di voli in Europa siamo circa al 50% rispetto a due anni fa, secondo le ultime indicazioni fornite da Sita) ma la tendenza alla ripresa degli spostamenti è concreta. Soprattutto per le vacanze.

E i viaggi d'affari? Rispetto al comparto leisure, l'ambito business paga ancora l'effetto pandemia e il fatto che molte aziende hanno sensibilmente ridotto i viaggi dei propri dipendenti privilegiando le piattaforme di videoconferenza. Un recente sondaggio condotto dal portale di viaggi WeRoad in collaborazione con BizAway, piattaforma che gestisce a tutto tondo il booking per l'utenza corporate (dai voli agli hotel passando per il noleggio auto), ci dice in proposito come solo un quarto (il 23%) dei Millennials che lavorano non voglia rinunciare ai meeting aziendali o con i clienti in presenza e come il mezzo di trasporto considerato più sicuro per raggiungerli sia l'aereo (citato nel 47% dei casi) davanti al treno (32%) e all'auto (21%).

Loading...

Ma le soluzioni (tecnologiche) per prendere un aereo in totale sicurezza e comodità nel rispetto delle restrizioni imposte non mancano.

Passaporti digitali, l'importanza della condivisione dei dati

Una tendenza emersa già nei mesi scorsi, che accomuna i viaggiatori d'affari e quelli di piacere, vede i passaporti digitali come una delle principali leve per riprendere a spostarsi senza problemi, ma molto dipenderà ovviamente dall'effettivo numero di passeggeri in grado di esibire il green pass e da come gli aeroporti si stanno attrezzando per riportare la velocità delle operazioni di check-in e imbarco agli standard del passato. La Iata (l'International Air Transport Association) ha fornito nelle ultime settimane alle compagnie aeree una serie di linee guida per sviluppare sistemi per lo scambio dati sullo stato di salute personale di ogni passeggero (sempre che la persona sceglierà di condividere le relative informazioni).

La sicurezza delle destinazioni mappate in tempo reale

Fra le tante soluzioni utili a infondere fiducia ai business travel c'è per esempio un servizio a cui hanno dato vita la stessa BizAway e uno specialista nel campo della risk intelligence legata ai viaggi come Riskline. Una mappa dinamica integrata nella piattaforma della travel agency italiana, che monitora la posizione del viaggiatore in tempo reale secondo l'itinerario previsto, ma senza alcuna traccia Gps attiva (per motivi di privacy), permette infatti di essere sempre aggiornati sulla situazione di sicurezza (naturalmente anche in merito alla pandemia) dei Paesi interessati dal viaggio d'affari, visualizzando tutti i rischi connessi alla destinazione.

Al manager e ai responsabili in azienda, nello specifico, vengono inviate notifiche attraverso un'apposita app in modo che entrambi possano predisporre le opportune misure in caso di problemi, come la riprogrammazione istantanea dell'itinerario o il rimpatrio immediato nei casi più gravi.

Volare senza contatti

Viaggiare in modalità contactless appare a molti uno scenario ancora futuristico ma in realtà è una possibilità del presente. Pensiamo alla possibilità di scannerizzare le carte d'imbarco utilizzando lo smartphone aziendale e di pagare beni e servizi in aeroporto utilizzando l'app di banking installata sullo stesso terminale mobile. E fin qui parliamo di abitudini già ampiamente diffuse, anche prima dello scoppio della pandemia. Il viaggio senza contatti 2.0 va invece oltre, abbraccio tutto il processo “dal parcheggio all'imbarco” ed elimina qualsiasi esperienza tattile, fatta eccezione quella di riporre il proprio bagaglio a mano all'interno di uno scanner di sicurezza. L'implementazione in aeroporto di tecnologie di wayfinding (letteralmente “trovare il percorso ) permette infatti di offrire a tutti i passeggeri (non solo a quelli business) una visione in realtà aumentata dello scalo direttamente sullo schermo del telefonino, facilitando l'individuazione del percorso da seguire attraverso aree del terminal che potrebbero non conoscere.

Come controllare i costi dei viaggi?

La sicurezza dei dipendenti continuerà a essere il criterio più importante per i viaggi d'affari per molto tempo a venire. Verranno prenotati solo voli in business class e hotel di classe superiore perché più garanti di maggiore spazio individuale e standard di igiene e sicurezza superiori? Il compito dei travel manager rischia di complicarsi ed è ricorrente fra gli addetti ai lavori il pensiero che queste figure aziendali agiranno sempre più come gestori del rischio. Per ridurre al minimo i rischi durante i viaggi, l'aumento dei costi è spesso inevitabile. La soluzione? È ancora una volta nella tecnologia, e più precisamente in soluzioni di gestione dei viaggi che integrano la politica di travel di un'azienda nel processo di prenotazione, in opzioni automatiche di approvazione prima del viaggio e di selezione delle tariffe vantaggiose con i tour operator preferiti, in app per l'organizzazione dei business trip che forniscono indicazioni sulla pandemia.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti