Le sfilate di Parigi / 5

Fra tragicità e speranza, la moda propone la sua necessaria riflessione

Da Balenciaga Demna Gvasalia firma un evento toccante che evoca il suo stesso passato da profugo. Valentino, invasione dell’ottimismo in rosa, e Hermès indaga nuovi codici

di Angelo Flaccavento

Un frame del video della sfilata Balenciaga AI 22-23

3' di lettura

Divinazione e profezia, nella moda, non sono solo espedienti narrativi o iperboli linguistiche, ma, in alcuni casi, tangibili dati di fatto. È difficile tradurre a parole, perché l'atto e il processo creativo seguono logiche e connessioni non sistematiche, ma ci sono autori le cui antenne captano minime scosse elettriche nell'etere du temps, ed elaborano prima che le cose accadano.

Demna è uno di questi, e Balenciaga è il suo laboratorio di previsioni che si avverano. L'ultimo show fisico della maison, a marzo 2020, era stato una fantasmagoria oscura e apocalittica di elementi scatenati e umanità sommersa. Il lockdown sarebbe iniziato una settimana dopo. Adesso Balenciaga torna a sfilare con uno spettacolo iperbolico quanto commovente: una visione di donne e uomini che, dentro un cilindro di vetro, marciano a fatica affrontando una abbacinante tempesta di neve, gli abiti sbrindellati o tenuti insieme con lo scotch, in mano un sacco, i tacchi a spillo che rendono i passi ancor più incerti.

Loading...
Balenciaga, riflessioni sul tragico presente

Balenciaga, riflessioni sul tragico presente

Photogallery25 foto

Visualizza

Pensare a un'orda di profughi è più che possibile, anzi automatico, incluso il dubbio legittimo se tutto ciò sia lecito nel perimetro di un marchio di lusso, se non si tratti di feticizzazione della sofferenza a uso dei ricchi. Nel caso di Demna, che trent'anni fa arrivò in Germania con la famiglia come profugo georgiano, l'impasto di biografia e cronaca impellente rende questa scelta drammaturgica viva, pulsante come un nervo scoperto, plausibile. Sulle sedie gli ospiti trovano una bandiera ucraina in forma di t-shirt; la voce di Demna recita versi in ucraino in apertura di sfilata; e gli ultimi due look sono un abito turchese e una tuta gialla. La congiunzione è magica, e il messaggio di pace e bellezza arriva ineffabile. Eppure niente era partito come un progetto politico. «È sei mesi che lavoriamo a questo show - dice Demna - Volevo qualcosa di estremamente luminoso, quasi una realtà virtuale resa fisica. E volevo riflettere sulla artificialità della visione attraverso uno schermo e della neve: un fenomeno naturale che il cambiamento climatico, in cinquant'anni, potrebbe rendere un ricordo, costringendo a sostituirlo con quella di sintesi. I fatti degli ultimi giorni, poi, hanno dato a questa fantasia un altro significato».

È tale l'emozione, che la moda passa in secondo piano, ma è in realtà di massimo valore anche quella: una iterazione fluttuante del codice Balenciaga, toccato da una leggerezza greve e dall'idea che tutto si possa riporre in poco spazio e impacchettare. Perché Demna, prima che un narratore è un vero designer, che traduce bisogni e visioni in vestiti.

Valentino, una contemporanea vie en rose

Valentino, una contemporanea vie en rose

Photogallery22 foto

Visualizza

È un designer anche Pierpaolo Piccioli, che per Valentino questa stagione radicalizza il dettato e opta per un crudo riduzionismo cromatico che è invero esclusivamente estetico, ma che i fatti degli ultimi giorni rendono potentemente politico. La collezione è una successione di silhouette monocromatiche: pink PP (un magenta sintetico e brillante, che avrà subito il suo pantone dedicato) e nero, spalmati su tutto, dagli abiti agli accessori. È pink PP anche l'intero set. Frivolezza e rigore, energia e calma si compenetrano, mentre la moda reitera il segno aggraziato e femminile di Piccioli, trasfigurandolo in uno statement senza sbavature. L'overdose, però, è in agguato, e lo show lascia satolli come un macaron di troppo.

Givenchy, la quotidianità di nero e perle

Givenchy, la quotidianità di nero e perle

Photogallery29 foto

Visualizza

Da Givenchy, Matthew Williams riesce a trovare un equilibrio tra le perle e lo chic di Hubert e le proprie inclinazioni metropolitane, tra archivio e presente, tra ruvidezza e grazia. Gli echi dello status quo - tutti vogliono fare Balenciaga, oggigiorno - sono evidenti, ma mescolati a rimandi al lavoro di Riccardo Tisci che si traducono in una proposta, se non originale, almeno fresca.

Hermès, eleganza sensuale e atletica

Hermès, eleganza sensuale e atletica

Photogallery20 foto

Visualizza

Il tema equestre, da Hermès, è un tratto di dna, che questa stagione prende una china sensuale e atletica - guaine, orli brevissimi, aderenze irremissibili - ma convince ben poco. Manca ogni idea di lusso senza tempo, mentre la concessione alle mode del momento è poco convinta.

Le silhouette verticali e severe di Ann Demeulemeester, marchio belga adesso di proprietà italiana ma privo di un direttore creativo, hanno fascino e desiderabilità, ma la proposta è monocorde, strippata a nudo di quel senso di romanticismo ribelle che Ann, la fondatrice, infondeva in tutto. Manca, insomma, un punto di vista. Da Lanvin il punto di vista c'è, ed è quello di Bruno Sialelli, che è capace ma dovrebbe mettere meglio a fuoco l'identità di questa maison storica. Le eccentricità e i languori anni trenta mescolati al tailoring affilato e sensuale non bastano.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti