l’omaggio di Macron

Francia, attacco al supermarket: muore il gendarme eroe, fermato minorenne

Ucciso il terrorista di Trèbes asserragliato in un supermercato

3' di lettura

Attacco jihadista nel sud della Francia, a Trebes, il giorno dopo: il tenente colonnello Arnaud Beltrame è morto oggi in seguito alle ferite riportate ieri durante l’attacco, lo scrive su Twitter il ministro dell'Interno francese, Gerard Collomb. Beltrame, 45 anni, è il gendarme che si era offerto al terrorista al posto di una donna ostaggio.

Nel frattempo un minorenne amico del terrorista che ha compiuto l’attacco, Redouane Lakdim, marocchino di 26 anni, è stato posto in stato di fermo: nato nel 2000, il ragazzo è stato fermato questa notte per associazione terrorista. In Francia, il fermo per terrorismo può durare fino a 96 ore contro le normali 24 o 48 ore.

Loading...

Il presidente francese Macron ha reso omaggio oggi al gendarme Beltrame che ieri si è offerto al terrorista di Trebes al posto di una donna che era stata presa in ostaggio: il 45enne Arnaud Beltrame, morto oggi per le ferite riportate, «è
caduto da eroe», ha scritto Emmanuel Macron in un comunicato, e merita il «rispetto e l'ammirazione dell'intera nazione».

L’attacco di ieri
Mattinata di terrore a Trebes, nel Sud della Francia, dove un fondamentalista islamico ha compiuto un raid costato la vita ad almeno tre persone, prima di venire eliminato in un blitz condotto dalle teste di cuoio. Si tratta di un marocchino di 25 anni già schedato per radicalizzazione: si chiama Redouane Lakdim ed è un marocchino di 26 anni già noto alla polizia per piccoli reati di droga. Lo ha detto il ministro dell'Interno, Gérard Collomb, spiegando che il killer ha agito da solo, era seguito ma niente faceva pensare che si fosse radicalizzato e che sarebbe passato all'azione con un attacco terroristico.

La Siria dilaniata da violenza dopo sconfitta Isis

Il bilancio dell’attacco è di tre morti e due feriti. Prima della presa d’ostaggi al supermercato Super U, l’uomo ha rubato un’auto, una Opel bianca, fermando il conducente e sparando contro di lui, ferendolo gravemente. L’uomo ha poi ha sparato sul passeggero che era accanto, uccidendolo. Quindi ha esploso colpi di arma da fuoco contro due poliziotti a Carcassonne, nei Pirenei francesi, e subito dopoil terrorista si è barricato in un supermercato di Trèbes, poco lontano, tenendo in ostaggio la clientela. Dopo un paio d’ore dall’inizio del sequestro i clienti presi in ostaggio, alcuni dei quali feriti, sono usciti, ma una persona, dipendente del supermercato, è stata uccisa. L’uomo, armato, è rimasto all’interno con un ufficiale della gendarmeria: chiedeva la liberazione di Salah Abdeslam, l’unico superstite degli attentati parigini del 13 novembre 2015, attualmente incarcerato in Francia. Secondo la ricostruzione del ministro dell'Interno francese, Gerard Collomb, il gendarme, tenente colonnello, si è offerto “spontaneamente” di sostituirsi a uno degli ostaggi che era rimasto all'interno dopo che gli altri erano usciti. L'ufficiale «ha lasciato il suo cellulare acceso», ha aggiunto il ministro, «dall'esterno è stato possibile seguire quello che avveniva dentro al supermercato. Quando abbiamo udito dei colpi di arma da fuoco, i reparti speciali sono intervenuti. Voglio rendere omaggio a questo tenente colonnello, rimasto gravemente ferito, protagonista di un atto di eroismo.

Nell’assalto a Carcassonne uno dei poliziotti presi di mira dai colpi d’arma da fuoco è rimasto ferito alla spalla ma non è in pericolo di vita. Lo ha detto Yves Lefebvre, sindacalista della polizia, secondo il quale gli uomini della Compagnie Républicaine de Securité (Crs) stavano rientrando in caserma da una corsa mattutina quando sono stati attaccati con cinque o sei colpi d’arma da fuoco. L’assalitore avrebbe poi tentato di ricaricare l’arma, che però «si è probabilmente inceppata ed è quindi fuggito in auto».

Il premier, Edouard Philippe, ha parlato di «situazione seria». Il presidente francese, Emmanuel Macron, attualmente impegnato a Bruxelles per il vertice Ue, è stato tenuto informato «minuto per minuto» e si è poi fatto sentire: «sull’attacco a Trèbes tutto porta a credere che si tratti di un attacco terroristico. Le forze di sicurezza sono intervenute in modo coordinato. Tra qualche ora - ha concluso - sarò a Parigi per vedere le misure da adottare».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti