ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùPrimo turno delle presidenziali

Elezioni in Francia: exit poll, Macron al 28,6%, Le Pen al 23,9%

I primi exit poll indicano Macron al 28,6% e Le Pen 23,9%. Il primo turno è segnato. I sondaggi sono abbastanza chiari: passeranno al ballottaggio Emmanuel Macron e Marine Le Pen, come nel 2017

di Riccardo Sorrentino

articolo aggiornato il 10 aprile 2022

Francia, Marine Le Pen vota e saluta attivisti fuori dal seggio

2' di lettura

I primi exit poll indicano Macron al 28,6% e Le Pen 23,9%. Il primo turno è segnato. I sondaggi sono abbastanza chiari: passeranno al ballottaggio Emmanuel Macron e Marine Le Pen, come nel 2017. Difficile pensare a errori macroscopici delle rilevazioni statistiche: i francesi hanno superato la ritrosia a dichiarare il loro consenso per la destra radicale, che aveva pesato in passato, e i numeri non lasciano spazio a equivoci. È vero che il candidato Eric Zemmour è una novità rilevante e i sondaggi potrebbero far fatica a centrare i suoi risultati, ma non si può pensare a una grande rimonta, dall’attuale 9%, ben lontano dal 14% di metà febbraio.

Forze radicali in rimonta

Le tendenze, del resto erano molto evidenti. Macron era in calo al 25%, rispetto a un massimo del 29% circa indicato dai sondaggi di metà marzo, mentre Marine Le Pen, attorno al 23% e Jean-Luc Mélenchon, al 17%, sono ai massimi degli ultimi sondaggi, segno chiarissimo che gli ultimi eventi stanno premiando le forze radicali. È anzi impressionante notare il parallelismo tra le tendenze di fondo, nei sondaggi, dei consensi del leader della destra populista e quelli del leader della sinistra radicale. Le Pen ha lentamente guadagnato terreno sul rivale, dopo averlo perso a inizio anno, ma la distanza è rimasta grosso modo stabile.

Loading...

La polarizzazione della società

Se una parte almeno della società francese è sempre polarizzata - sia pure all’interno di un clivage destra/sinistra ancora evidentemente molto vivo - non sorprende l’insuccesso delle figure pragmatiche dei due grandi schieramenti. Valérie Pécresse, esponente dei Républicains, i neogollisti, aveva raggiunto il 16% dei consensi insidiando Marine Le Pen nella conquista del secondo turno, ma ora è calata fino all’8% circa. A sinistra, la sindaca di Parigi Anne Hidalgo che nella capitale è riuscita a riunire le diverse anime della sinistra, non riesce oggi ad andare oltre il 2%, ma anche nei momenti più felici della sua campagna elettorale aveva appena toccato il 6%, mentre i Verts, la sorpresa delle elezioni europee riconfermata in quelle amministrative, restano penalizzati dall’assenza di una figura “presidenziale”. Yadot ha toccato nei sondaggi l’8%, ma ora è intorno al cinque per cento.

IL PRIMO TURNO NEI SONDAGGI
Loading...
Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti