NUOVE TENUTE

Frescobaldi: puntiamo su qualità e investimenti

Lamberto Frescobaldi: «acquisti per aumentare la dimensione delle aziende»

di Silvia Pieraccini


default onloading pic
Lamberto Frescobaldi Presidente del gruppo vinicolo Marchesi Frescobaldi, 1.300 ettari di vigne in Toscana (più una tenuta in Friuli) guida un brand forte come Frescobaldi con 700 anni di storia

2' di lettura

«La nostra politica di valorizzazione del territorio non è che all'inizio». Lamberto Frescobaldi, presidente del gruppo vinicolo Marchesi Frescobaldi, 1.300 ettari di vigne in Toscana (più una tenuta in Friuli) in tutte le principali denominazioni, non vuol sentir parlare di “piramide qualitativa” per le sue 12 milioni di bottiglie. La strategia del gruppo è da sempre quella di valorizzare la diversità dei territori - e di ciascuna azienda, tenuta, vigneto - per fare vini di qualità. «Nessuna piramide - afferma il presidente - i nostri vini sono piuttosto tante colonne che reggono un tetto, e ciascuna deve svolgere al meglio il proprio compito». Sul tetto splende un brand forte come Frescobaldi, 700 anni di storia, che aiuta e illumina tutte le etichette. «Ma questo brand lo dobbiamo alimentare giorno per giorno – prosegue Lamberto - e dobbiamo incrementarne il valore tramite il prestigio dei vini prodotti nelle diverse zone della Toscana, in modo che quando bussi a una porta, sanno chi sei e ti aprono». Per incrementare il valore l’unica strada, secondo Frescobaldi, è investire. Dopo l’acquisto della tenuta Perano a Gaiole, nel territorio del Chianti Classico, «stiamo facendo piccole operazioni per aumentare la dimensione delle aziende esistenti – annuncia Lamberto – abbiamo appena comprato 10 ettari per espandere la tenuta Ammiraglia, aggiungiamo 25 ettari alla tenuta Castiglioni in Val di Pesa e poi stiamo piantando una quarantina di ettari di nuovi vigneti». Il faro è sempre la qualità: «In Germania il 94% del mercato è fatto da vini sotto i 5 euro, noi non abbiamo neppure una bottiglia a questi prezzi». Il bilancio 2019 di Marchesi Frescobaldi si chiuderà con un fatturato in crescita di oltre il 5%, sopra i 125 milioni (nel 2018 è stato 119,5 milioni, per il 61% all'export e con un margine operativo lordo del 33,5%). «Se la Toscana del vino vuole crescere – conclude Lamberto - deve fare passi avanti sul terreno del miglioramento qualitativo, sia reale che percepito: bisogna investire e bisogna mettere le aziende in grado di farlo con leggi che aiutano».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...