Startup

Frutta e verdura pulita e porzionata a domicilio, Ortago sbarca in Toscana

Il packaging è brevettato e trattato con antivirali ed antibatterici per tutelare la freschezza durante il trasporto

di Gianni Rusconi

Ortago punta sulla consegna veloce

2' di lettura

Frutta e verdura fresca a casa propria (o in ufficio) in poche ore, perfettamente confezionata a porzione in contenitori riciclabili e realizzati in polistirolo alimentare. E per chi vuole pranzare o cenare ecco il servizio di delivery di pasti pronti vegetariani e cucinati anche al vapore.
La ricetta di Ortago, startup veneziana di Dolo, è semplice, sicuramente efficace visto il boom di richieste registrato nel corso dei vari lockdown imposti dalla pandemia e ha come caratteristica distintiva quella di essere una piattaforma di e-commerce con logistica integrata che garantisce consegne fra le 6 e (nei fine settimana) le 48 ore

Fondata da Matteo Zorzato, imprenditore con una lunga storia nel settore dell'ortofrutta (la famiglia è uno dei gruppi consorziati più grandi nel Nord Italia e opera in questo mondo da 70 anni), Ortago è qualcosa di unico nel Triveneto proprio per la sua capacità di consegnare prodotti freschi e i freschissimi mantenendo la temperatura tra gli otto e i dieci gradi, ossia quella ideale per la conservazione per gli ortaggi. Una peculiarità assai complicata da gestire per garantire la qualità del prodotto ai consumatori, dicono i diretti interessati, e di fatto mai esibita al di fuori dei confini delle città.

Loading...

Il segreto, come anticipato, è il packaging. Opportunamente brevettato e trattato con antivirali ed antibatterici per tutelare la freschezza dell'alimento in fase di trasporto, come conferma Zorzato. Si tratta, nello specifico, di box isotermici che in estate vengono tenuti freschi con ghiaccio in gel per uso alimentare e in inverno fungono da contenitore isolante.
«Realizzare una filiera logistica così avanzata – ha spiegato il fondatore di Ortago – non è stato semplice, ma oggi riusciamo a raggiungere circa 600 comuni in tutto il territorio della regione attraverso un iter di consegna che inizia dal mercato ortofrutticolo di Padova».

Là dove la merce viene selezionata in anteprima prima di essere proposta in vendita nella vetrina online. A circa 18 mesi dal lancio, gli ordini raccolti sulla piattaforma sono sempre in costante aumento (nell'ordine del 20% su base mensile) e c'è una ragione alla base di questa continuità di crescita dell'attività.
«Abbiamo inserito il servizio B2B per i ristoranti che coinvolge anche i punti vegani e ci siamo specializzati nella distribuzione di prodotti biologici e di stagione per soddisfare completamente la domanda della nostra clientela, composta soprattutto da un pubblico giovane. Il bergamotto o il melograno sono tra i nostri best seller ma in molti ci chiedono anche frutta tropicale che spesso non trovano dal fruttivendolo sotto casa»

Coperto l'intero Triveneto, il prossimo passo di Ortago – previsto a fine 2022 – sarà l'estensione del servizio alla Toscana, mantenendo la logica di servire soprattutto i centri della provincia. L'altra novità annunciata per il prossimo futuro sono gli accordi che la società sta stringendo con una serie di partner nell'ambito del “food health”, il tutto per dare vita a una proposta di benessere innovativa che andrà a combinare prodotti alimentari a soluzioni/servizi per i consumatori che desiderano adottare un lifestyle all'insegna del green.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti