ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùil caso libra

Fsb in pressing per regolamenti internazionali sulle criptovalute

Ad accelerare il processo è stato l'annuncio fatto nei mesi scorsi da Facebook per il lancio della nuova criptovaluta Libra e l'obiettivo di utilizzare quest'ultima come una potente arma per i pagamenti digitali

di Laura Serafini


default onloading pic

3' di lettura

Il Financial stability board si prepara a predisporre un documento di consultazione che fissi i capisaldi di una nuova regolazione e una supervisione, anche su base internazionale, per disciplinare le criptovalute e i rischi di cui sono portatrici. L'iniziativa è stata annunciata oggi e l'obiettivo è arrivare alla predisposizione di un documento di consultazione da sottoporre alla riunione dei ministri finanziari e dei governatori centrali del G20 del prossimo giugno, con l'obiettivo di predisporre un testo definitivo entro luglio.

Facebook: PayPal si sfila, si complica progetto Libra

Ad accelerare il processo è stato l'annuncio fatto nei mesi scorsi da Facebook per la lancio della nuova criptovaluta Libra e l'obiettivo di utilizzare quest'ultima come una potente arma per i pagamenti digitali. Nel documento diffuso da Fsb si fa riferimento alla dichiarazione fatta dal G20 nella riunione del giugno 2019 ad Osaka, che in qualche modo evidenziava come l'innovazione tecnologica e le “stablecoin” possono determinare vantaggi per il sistema finanziario, soprattutto nelle economie emergenti. L'iniziativa di Libra, focalizzata sui pagamenti retail sia nazionali che cross border, ha però spinto a riconsiderare l'affermazione che i cripto asset non determinano rischi per la stabilità finanziaria, mostrando come invece questi possano essere fonte di potenziali rischi sistemici.

Consulta anche: il dossier su Libra, la criptovaluta di Facebook

Gli obiettivi del Fsb
Gli obiettivi che il board si è dato per questo step iniziale sono quelli di tracciare un bilancio sui differenti approcci di regolazione e di supervisione attuali tenendo anche conto delle implicazioni cross border, della esigenze dei mercati emergenti e delle economie in via di sviluppo. Sulla base di questo quadro, verrà predisposta una valutazione su quanto gli attuali impianti regolatori e di supervisione sono adeguati ed efficaci nell'individuare e disciplinare i rischi di stabilità e sistemici che possono originare anche dai singoli soggetti che fanno parte di una criptovaluta (soggetti emittenti, soggetti che amministrano gli asset, infrastrutture di pagamento, mercati coinvolti) e la loro interazione in quanto ecosistema. A valle di tutto ciò, verrà fornita una riposta multilaterale che può includere anche la predisposizione di un quadro regolatorio e di supervisione a livello globale.

Leggi anche: Dall'acquisto all'uso ai pagamenti, come funzionerà la nuova Libra di Facebook

La proposta per il G-20 di giugno
L'approccio che il Financial stability board adotta parte dall'individuare tutte le componenti di una criptovaluta per misurare come la regolazione esistente le inquadra. L'analisi dovrà anche tenere conto delle interazioni tra diversi elementi coinvolti in queste valute e anche le diverse implicazioni di un rapido cambiamento nell'utilizzo delle riserve o, ad esempio, di una richiesta di rimborso su larga scala della valuta.
Verrà analizzato anche l'attuale impianto di regole e supervisione a livello nazionale e come esso si inquadra in un contesto cross border. Un aspetto importante sarà quello di individuare se le diverse classificazioni normative e di supervisione in materia di criptovalute possono dare vita a un arbitraggio regolatorio e come regole e autorità devono essere coordinate per gestire qualsiasi arbitraggio regolatorio. In sostanza, verificare se è possibile che un soggetto come Libra possa avvalersi di diverse modalità di disciplinare la materia nei vari paesi per trarne un vantaggio competitivo.
Secondo il board, serve una nuova sfida regolatori e di supervisione internazionale che tenga conto della effettiva compatibilità di un approccio nazionale rispetto a questi nuovi fenomeni e del gap che può emergere tra una regolazione e vigilanza nazionale rispetto alla natura globale di queste valute.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...