La manifestazione

B20, Franco: «Infrastrutture green per crescita e posti lavoro. Guardiamo al futuro con cauto ottimismo»

Il ministro dell’Economia è intervenuto alla manifestazione “Dialogo Infrastrutture e Finanza B20-G20”

Il ministro dell’Economia Daniele Franco (foto Ansa)

2' di lettura

Le infrastrutture green aumentano crescita, occupazione e rendono le economie più resilienti. Lo ha sottolineato il ministro dell’Economia Daniele Franco intervenendo al “Dialogo Infrastrutture e Finanza B20-G20”. Le infrastrutture sostenibili hanno un ruolo importante per accrescere «la crescita potenziale e rendere le economie più resilienti», ha affermato Franco, contrastare «i cambiamenti climatici» ed hanno «un forte impatto sull’occupazione». «Ora che l’economia sta recuperando dalla recessione - ha detto Franco - possiamo guardare con cauto ottimismo al futuro».

Franco: governi non possono fare transizione da soli

I governi, ha aggiunto il responsabile dell’Economia, «non possono fare tutto da soli» nel processo di transizione energetica e nel piano per la realizzazione di infrastrutture sostenibili nell’ambito degli interventi finanziati con il fondo Next Generation Ue. Franco ha messo in evidenza che «è necessario il concorso di investitori privati e del mercato».

Loading...

Galateri: privati e assicurazioni advisor Governi

Il settore privato e quello assicurativo possono essere un “advisor molto forte per i governi” ha confermato il presidente di Generali Gabriele Galateri di Genola nel corso di una tavola rotonda del B20 su Finanza e Infrastrutture. «Le assicurazioni e i privati - ha aggiunto - possono essere non solo advisor ma anche attori fondamentali per un’economia resiliente».

Messina: sfida è ripresa solida e sostenibile per dieci anni

«La vera sfida per tutti noi è rendere questa ripresa solida, inclusiva e sostenibile per almeno i prossimi dieci anni». Così il ceo di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, nel corso dell’evento in streaming ’Dialogo B20-G20 su finanza e infrastrutture per una crescita sostenibile e inclusiva’. «La pandemia - ha aggiunto - ha dato il via a tendenze di deglobalizzazione, accelerando così l’importanza di un reshape tecnologico e dell’investimento in infrastrutture materiali e immateriali. E ancora: «La crescita sostenibile ha bisogno di motori di crescita come un accesso facilitato ai mercati del debito e del capitale per le Pmi, la promozione di ecosistemi di innovazione aperta, la digitalizzazione e l’innovazione dei processi a favore delle catene del valore globali e integrate.

Marcegaglia: 2021 anno di svolta per crescita inclusiva

«Il 2021 dovrebbe essere davvero un anno di svolta, un anno di ritorno alla crescita ma sicuramente a una crescita davvero inclusiva e sostenibile, che non ripeta gli errori del passato» ha dichiarato Emma Marcegaglia, presidente del B20, aprendo il dilaogo B20-G20 . Le imprese, ha aggiunto, «vogliono assumersi le loro responsabilità nel combattere le disuguglianze e il cambiamento climatico e nel promuovere la sostenibilità». Marcegaglia, infine, ha sottolineato la necessità di «rafforzare il ruolo delle organizzazioni internazionali e un vera collaborazione tra pubblico e privato».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti