L’appuntamento

Galassia M5S: a Ivrea va in scena un think tank bipartisan

di Manuela Perrone


default onloading pic
(FOTOGRAMMA)

3' di lettura

L'anno scorso era l'esordio del volto M5S in doppiopetto, ansioso di accreditarsi con l'establishment e il mondo produttivo. Quest'anno la seconda edizione di “Sum” - promossa sabato a Ivrea dall'associazione Gianroberto Casaleggio fondata dal figlio Davide e da sua madre - è il suggello di quella strategia, rivelatasi vincente alla prova del voto, e il consolidamento di una sorta di think tank che lavora in parallelo alla creatura politica.

Con i medesimi due forni (tra gli ospiti si va dal giovane filosofo Diego Fusaro, noto per essere anti-femminista e anti-europeista, all'ex ministro della Cultura del governo Letta, Massimo Bray), la stessa disinvolta liquidità, l'insistenza sulle parole chiave dell'innovazione e del digitale. E una novità: non è più la macchina di Casaleggio jr, supportato dall'agenzia di comunicazione Visverbi, a dover inseguire gli ospiti. Sono in tanti ad essersi autoproposti.

Cambia il vento, muta il mood
Non piace a Davide Casaleggio l'etichetta di “Leopolda a 5 Stelle” affibbiata a “Sum”. Per l'erede del cofondatore M5S, “Sum” è un tributo a quella “futurologia” - lo studio del futuro, la capacità di predire scenari (sarà illustrata da Roberto Poli, docente di Sistemi anticipanti a Trento) - tanto cara a suo padre. Ma è indubbio che a Ivrea - all'Officina H della ex sede Olivetti dove Gianroberto mosse i primi passi - va in scena l'intellighenzia cui i Cinque Stelle guardano affamati: di reti, di relazioni e di spunti.

Nel 2017 fece scalpore la partecipazione di Paolo Magri, direttore dell'Ispi e segretario del gruppo italiano della Trilateral (fino a poco tempo addietro, per i pentastellati, un “sodalizio paramassonico”). Entusiasmò l'intervento del managing director di Google Italia, Fabio Vaccarono. E fecero notizia le assenze: il forfait dell'astronauta Paolo Nespoli e il “no” cortese del procuratore capo di Milano, Francesco Greco. Quest'anno i 22 relatori (purtroppo sempre scarsa la presenza delle donne, salite da una ad appena due) testimoniano più l'eterogeneità della galassia che l'ansia di rassicurare i palazzi e i poteri che contano.

Tanti i protagonisti del mondo scientifico e dell'accademia
Dal fisico Roberto Cingolani, direttore dell'Istituto italiano di tecnologia, a Fausto Caruana, Gianmauro Calafiore e Giuseppe Curigliano, chiamati a confrontarsi sulle nuove frontiere delle neuroscienze e dell'intelligenza artificiale. Di economia della cultura invece discuteranno Bray e Chiara Rostagno, direttrice del Cenacolo. Di giustizia parlerà Nino Di Matteo, il pm che ha indagato sulla trattativa Stato-mafia, da sempre vicino ai Cinque Stelle (aveva dato la sua disponibilità a entrare in un governo M5S). Confermati dallo scorso anno il sociologo del Lavoro Domenico De Masi e la psicologa Maria Rita Parsi. Tra i volti noti dello spettacolo e del giornalismo si segnalano l'attore e regista Moni Ovadia, Andrea Scanzi, Dario Vergassola e di nuovo Enrico Mentana. Debuttano come moderatrici, accanto Gianluigi Nuzzi e Luca De Biase, Veronica Gentili e Luisella Costamagna.

La politica, pure stavolta, resterà in platea. Con il candidato premier Luigi Di Maio in prima fila, insieme a molti parlamentari vecchi e nuovi. L'obiettivo di “Sum” è stato dall'inizio anche quello di tessere la trama per la creazione di una classe dirigente più qualificata: fucina di riferimenti, non solo laboratorio di idee. Obiettivo neanche tanto sotterraneo, ora che il Movimento guarda dritto a Palazzo Chigi. Come e con chi si vedrà.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti