SOLUZIONI PER IL RILANCIO

Garda Veneto: il lago e il parco dei divertimenti a caccia di turisti con app smart e sconti

Federalberghi, Garda Veneto e Valigeria Roncato hanno siglato un accordo per incentivare il turismo nella zona Per ogni valigia venduta saranno offerti sconti da utilizzare in una delle strutture ricettive sulla sponda veneta del lago

di Gianni Rusconi

default onloading pic
Gardaland resort

Federalberghi, Garda Veneto e Valigeria Roncato hanno siglato un accordo per incentivare il turismo nella zona Per ogni valigia venduta saranno offerti sconti da utilizzare in una delle strutture ricettive sulla sponda veneta del lago


4' di lettura

Anche il lago di Garda, meta prediletta in estate per tanti vacanzieri tedeschi, olandesi e austriaci, sta soffrendo gli effetti della pandemia. E non poteva essere altrimenti, nonostante le frontiere siano ormai aperte da settimane e i vincoli legati all'emergenza decisamente più flessibili. Il calo di presenze è però evidente e l'iniziativa lanciata a quattro mani daFederalberghi Garda Veneto e Valigeria Roncato, che ha il fine di stimolare l'afflusso dei turisti che oggi scarseggiano. Di cosa si tratta? Di buoni sconto da utilizzare in una delle strutture ricettive coinvolte e legati a ogni acquisto completato nel negozio online dell'azienda padovana. Al progetto hanno aderito anche gli hotel del complesso turistico di Gardaland, e la promozione sarà valida fino al 31 dicembre 2020. “In questo periodo particolarmente difficile per la categoria turistico-ricettiva – ha osservato in una nota il presidente di Federalberghi Garda Veneto, Ivan De Beni – stiamo cercando di sviluppare una rete di collaborazioni per promuovere il territorio gardesano e la convenzione con Roncato va proprio in questa direzione”.

Dal 1975 a oggi 100 milioni di visitatori

Nell'anno del suo 45esimo compleanno, Gardaland ha dovuto fare i conti con un evento, la pandemia di Covid-19, che l'ha costretta a mutare pelle per poter continuare ad accogliere le migliaia di visitatori che, soprattutto in questa stagione affollano, le sue attrazioni. E non si tratta, per una volta, di una trasformazione voluta delle aree tematiche per migliorare l'esperienza di intrattenimento dei suoi ospiti, ma di una serie di accorgimenti adottati per rispettare le misure di sicurezza anti-contagio prescritte dal governo. Con circa 100 milioni di presenze dal 1975 a oggi, il parco divertimenti più antico d'Italia è stato il primo a riaprire i battenti dopo il lockdown nel week end del 13 e 14 giugno, facendo da apripista per tutti le altre strutture a tema. Arrivando in un giorno settimanale (a chi scrive è capitato il 23 luglio) poco prima dell'orario di apertura (le 10.00) nell'enorme area di parcheggio che porta all'ingresso del parco, ci si accorge immediatamente che passare una giornata a Gardaland, in questo momento, è diverso da prima. Vuoi per l'assai limitato affollamento, vuoi per un particolare che balza subito all'occhio: anche i posti auto sono distanziati (uno libero, uno sbarrato e così via) e la misura riflette la riduzione del numero di ospiti ammessi ogni giorno, previo acquisto e prenotazione online (con data aperta o fissa, si va da 35 a 38 euro) del proprio biglietto o del proprio pacchetto abbonamento

Misure anti-contagio ovunque, basta osservarle

Biglietto alla mano o memorizzato sullo smartphone, l'entrata al parco è regolata da transenne che “obbligano” adulti, ragazzi e bambini a un percorso in stile labirinto per arrivare ai tornelli di ingresso: impossibile non notare i cartelli gialli (sono una costante in tutto il parco) che ricordano il rispetto della distanza di un metro fra una persona e l'altra. Una volta dentro, le imponenti strutture delle attrazioni “Adrenaline”, come il Blue Tornado, il Raptor o l'Oblivion (il primo dive coaster italiano e il più lungo d'Europa), e gli edifici delle aree “Fantasy” dedicate ai più piccoli (il villaggio di Peppa Pig) disegnano lo scenario di sempre. Cambia, e di parecchio, il modo attraverso il quale fruire delle attrazioni (per ora quelle all'aperto).

Per tutti i percorsi all'interno del parco, infatti, la segnaletica a terra invita a rispettare la corsia di spostamento per evitare disordinati assembramenti (misura osservata però fino a un certo punto) mentre l'obbligo di mascherina vige ovunque e c'è un controllo decisamente attento al rispetto di questa osservanza da parte del personale del parco. E ancora. Molte delle panchine a bordo dei vialetti sono divise a metà da un pannello (giallo) di legno, i posti a sedere nei tavoli di bar e ristoranti sono frazionati (alcuni sono rimasti chiusi) e le postazioni dotate di gel igienizzante per le mani sono veramente moltissime (soprattutto all'ingresso e all'uscita delle attrazioni). L'intervento per assicurare un divertimento sicuro è stato dunque importante, con tanto di regolamento stampato sulla mappa (in tre lingue) e sulla cartellonistica del parco.

L’app salvacode che avvisa quando è il proprio turno

Ma la grande novità, che auspichiamo possa sopravvivere anche quando il Coronavirus sarà un lontano ricordo, è l'app per accedere alle attrazioni. Si chiama “Qoda – Fila virtuale”, si attiva tramite lettura di un Qr Code dal proprio smartphone e diventa la guida per passare da un'attrazione all'altra sfruttando la localizzazione Gps e un sistema di notifiche. Scelta a display l'attrazione (una per volta), ci si mette in coda virtualmente con un semplice click (una persona può prenotare la corsa per massimo altre quattro, bambini inclusi) e cinque minuti prima del proprio turno si è avvisati di recarsi presso l'attrazione. Una seconda notifica segnala quando è giunto il momento di accedere alla coda fisica dell'attrazione stessa, dove un operatore regola l'afflusso controllando il numero della prenotazione che appare a video. Il sistema funziona, e bene, fatta eccezione per qualche assembramento di troppo in alcune strutture (dovuto anche alla poca educazione di diversi ospiti): i tempi di attesa sono comunque mediamente rispettati e le code chilometriche del recente passato non ci sono più. Gardaland è tornata dunque a regalare divertimento e prova a farlo in modo diverso, più organizzato e rispettoso della sicurezza dei suoi ospiti. Anche grazie alla tecnologia.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti