ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa strategia di Mosca

Gas, senza Nord Stream ora Putin rispolvera la rotta del Mar Nero

«Potremmo trasferire alla regione del Mar Nero i volumi dei Nord Stream perduti - ha detto Putin - creando il più grande hub di gas per l'Europa in Turchia»

di Antonella Scott

Vladimir Putin (Afp)

3' di lettura

Così come il ponte di Crimea, anche Nord Stream può tornare presto in funzione. Riparando, insieme al gasdotto, le relazioni tra l'Europa e la Russia.
La Settimana russa dell'Energia sembra rinvigorire Vladimir Putin. Intervenuto al Forum, il presidente è tornato ad attaccare gli «atti di terrorismo» compiuti e i Paesi che traggono beneficio dal sabotaggio di fine settembre sul fondo del Mar Baltico: un «precedente pericoloso» per le infrastrutture di tutto il mondo. Nominando Stati Uniti, Polonia e Ucraina, Putin ha accusato «chi cerca di distruggere definitivamente i legami tra Russia e Unione Europea e di sottomettere politicamente l'Europa, indebolendone il potenziale industriale, impadronendosi del mercato». Di fronte alla preoccupata attesa dell'inverno e del freddo, la ripresa delle forniture di gas russo è la soluzione immediata al problema.

«La palla è nel campo della Ue – ha detto il capo del Cremlino, tornando a usare la parola “partner” -. Se lo vogliono, i rubinetti si riaprono ed è fatta». Putin ha detto che Mosca è infatti pronta a ripartire attraverso la linea di Nord Stream 2 non danneggiata. Un'offerta, ha chiarito, che esclude i Paesi che accetteranno di imporre un tetto ai prezzi del gas russo.«Una decisione avventata - ha detto Putin in riferimento al “price cap” - con cui i politici occidentali stanno distruggendo il mercato globale dell'economia, minacciando di fatto il benessere di miliardi di persone. I cittadini europei stanno soffrendo. Come nel Medio Evo, la gente ha iniziato a fare scorta di legna per l'inverno».

Loading...

Un'immagine su cui Putin ama ritornare in questi giorni: di freddo i russi se ne intendono. Dopo di lui anche Aleksej Miller, amministratore delegato di Gazprom, ha rincarato la dose: «Gli inverni possono essere relativamente miti - ha concesso al pubblico della Settimana dell'Energia - ma per una settimana o anche solo cinque giorni farà straordinariamente freddo. È possibile che intere città e campagne - Dio non voglia - gelino».

Senza citare le proprie fonti, Miller ha detto che nel periodo di picco della domanda all'Europa potrebbero mancare 800 milioni di metri cubi di gas naturale al giorno. Un terzo del consumo totale. E se attualmente l'Europa può contare su scorte complete al 91%, Miller lancia lo sguardo alla fine della primavera, quando gli stoccaggi saranno scesi al 5% e diventerà molto più complicato ricostituirli per l'inverno successivo.

«Certo, l'Europa sopravvivrà – ha ammesso il capo di Gazprom -, ma che succederà in previsione degli inverni del 2023 e 2024? A quel punto sarà chiaro che la crisi energetica non sarà di breve durata». In Kazakhstan per un vertice di leader dell'Asia Centrale, Putin presenterà giovedì al presidente turco Recep Tayyip Erdogan una seconda idea con cui la Russia punta a rompere l'isolamento: la creazione di un hub energetico in Turchia, facendo della regione del Mar Nero «la via principale per il rifornimento di carburante e gas all'Europa attraverso la Turchia». Un ritorno al passato? Prima di concepire Nord Stream per creare nell'Europa settentrionale rotte alternative che escludessero Kiev, la rete di gasdotti che attraversa l'Ucraina era al centro delle esportazioni russe insieme a Blue Stream, di Eni e Gazprom, attraverso il Mar Nero.

E ora che Nord Stream si è fermato, le forniture di gas russo all'Europa – per quanto ridotte – possono arrivare solo dall'Ucraina, paradossalmente, e dalla Turchia. «Potremmo trasferire alla regione del Mar Nero i volumi dei Nord Stream perduti - ha detto Putin –creando il più grande hub di gas per l'Europa in Turchia. Se i nostri partner sono interessati, naturalmente». È questa la direzione che ha in mente Erdogan? Il presidente turco vorrebbe ampliare la mediazione diplomatica con cui ha già ottenuto la ripresa delle esportazioni di grano dall'Ucraina. E il Cremlino ha anticipato mercoledì la presentazione di una proposta ufficiale da parte del presidente turco, che potrebbe prevedere negoziati con l'Occidente in Turchia. L'incontro tra Putin ed Erdogan, ha detto il consigliere di Putin Jurij Ushakov, «sarà interessante e utile».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti