SITI WEB PIRATI

GdF: oscurati 58 siti, bloccato 90% accessi italiani

Al termine di un'indagine contro i centri di diffusione illegale di contenuti multimediali chiusi oltre 250 domini web di 2/o e 3/o livello e 18 canali Telegram

default onloading pic
(weerapat1003 - stock.adobe.com)

Al termine di un'indagine contro i centri di diffusione illegale di contenuti multimediali chiusi oltre 250 domini web di 2/o e 3/o livello e 18 canali Telegram


1' di lettura

La Guardia di Finanza di Gorizia, al termine di un'indagine contro i centri di diffusione illegale di contenuti multimediali e, più in generale, di prodotti editoriali coperti dal diritto d'autore, su ordine del Giudice per le Indagini Preliminari del locale Tribunale, ha oscurato 58 siti web illegali, oltre 250 domini web di 2/o e 3/o livello e 18 canali Telegram che, attraverso oltre 80 milioni di accessi annuali, rappresentano il 90 per cento della pirateria audiovisiva ed editoriale in Italia.

Diffusione cresciuta durante il lockdown

«Le attività investigativa e repressiva si sono svolte con modalità innovative - ha fatto sapere il colonnello Antonino Magro, comandante provinciale della Guardia di Finanza di Gorizia - colpendo la capacità di replicarsi in alias dei siti web pirati quando sono sotto attacco». È stata proprio questa capacità di reazione degli esperti informatici delle Fiamme Gialle a permettere all'indagine di «infliggere un colpo ferale a diffusione e domanda - ha aggiunto Magro - cresciute enormemente all'ombra del lockdown da Covid-19, di contenuti multimediali illegali».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti