Frodi ed evasione, una catena da spezzare

ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùlotta all’evasione

Gdf, negli ultimi 17 mesi sequestri per 9,3 miliardi di euro

di Giovanni Parente


Evasione fiscale e riciclaggio, una catena da spezzare

2' di lettura

Chi si domanda quale sia l’esatta definizione di grande evasione può trovare una risposta nelle principali operazioni messe a segno dalla Guardia di Finanza nell’ultimo anno e mezzo. Con un livello di attenzione sempre più alto su fenomeni di sottrazione a tassazione a livello internazionale, frodi carosello, indebite compensazioni e traffici illeciti di prodotti petroliferi. Un’attenzione testimoniata dai numeri ex ante ed ex post. Dei 48 piani operativi su cui il Corpo sta concentrando la sua attività, ben 21 riguardano il contrasto alla grande evasione e alle frodi fiscali.

GUARDA IL VIDEO - Evasione fiscale e riciclaggio, una catena da spezzare

Quasi 16mila reati tributari
Gli interventi ispettivi, come si definiscono in codice, effettuati da gennaio 2018 a maggio 2019 nei piani d’azione coordinati con le Entrate sono stati 128.497. Operazioni che hanno portato a riscontrare quasi 16mila reati tributari, soprattutto legati alle false fatture, alle dichiarazioni fraudolente e all’occultamento delle scritture contabili, e a denunciare oltre 18mila soggetti.

Sequestrati 9,3 miliardi
In questo contesto diventa fondamentale la tempestività per evitare che patrimoni o altre ricchezze vengano occultate e quindi il Fisco non possa più ottenere quanto , invece, gli spettava. Da qui nascono i 9,3 miliardi euro di proposte di sequestro avanzate. Mentre le misure patrimoniali messe in campo hanno riguardato un importo pari a 1,5 miliardi di euro.

Evasione internazionale
Stabili organizzazioni occulte, esterovestizioni, prezzi di trasferimento e illecita detenzione dei capitali restano le tante frontiere su cui la Guardia di Finanza è stata ed è impegnata nel contrasto all’evasione internazionale. I casi scoperti sono stati 2.115 e da questi si è arrivati anche ad accordi rilevanti per le casse dell’Eraio. Basti pensare all’accertamento con adesione chiuso da Kering per 1,25 miliardi di euro. Questo grazie al “modello Milano” che vede una sinergia continuativa nel lavoro tra Procura della Repubblica, agenzia delle Entrate e Fiamme gialle.

Le “cartiere” non chiudono mai
Così come resiste il fenomeno delle false fatturazioni attraverso le società cartiere e fantasma: poco oltre 3mila i casi portati alla luce, che in gran parte sono rappresentati da complesse catene finalizzate a gebnerare crediti Iva inesistenti da portare in compensazione.

Evasori totali che non pagano 3,4 miliardi di Iva
L’attività anti-sommerso è però a tutto tondo, perché l’economia irregolare continua a proliferare. Negli ultimi diciassette mesi sono stati portati alla luce 13.285 evasori totali, che hanno fatto mancare alle casse dell’Erario ben 3,4 miliardi di Iva. Il circolo del “nero”, che danneggia le imprese in regola alterando la concorrenza, è stato evidenziato dalla GdF con verbali a oltre 8mila datori per aver impiegato più di 42mila lavoratori irregolari.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti