i pionieri

General contractor e banca per ripartire

di Valeria Zanetti


2' di lettura

«L’acquisto del credito fiscale dai committenti per noi non è una novità. Lo utilizzavamo anche prima del decreto Rilancio, ma fino a copertura della capienza fiscale aziendale. Da quando è consentita la cessione alle banche possiamo acquisirne senza limiti». Lo assicura Paolo Tosti, l’amministratore delegato di Diquigiovanni Srl, impresa che progetta, produce ed installa finestre, infissi e serramenti con sede a Gambellara, nel Vicentino e che ha già iniziato a sfruttare i benefici derivanti dalle agevolazioni previste dal cosiddetto Ecobonus, con detrazioni fino al 110% sulle spese. A fine luglio l’impresa ha siglato un accordo pilota in Veneto, tra i primi in Italia, con l’Istituto di credito cooperativo Trevigiano, per supportare il funzionamento dello strumento da parte del cliente finale. «L’istituto di credito conosceva già il nostro modello di business e sapeva che non ci saremo lasciati sfuggire l’opportunità, che stiamo già ora proponendo e sfruttando per diversi interventi di efficientamento. Attualmente lavoriamo su cantieri di diverse dimensioni, ma in particolare su ville e condomini fino a 16 unità abitative», prosegue Tosti. «Sull’Ecobonus al 50% non ci sono più problemi interpretativi, per il Superbonus al 110%, al massimo si tratta di precisazioni. La nostra azienda si è subito messa a studiare le modalità di applicazione del beneficio fiscale ed i meccanismi di cessione del credito», commenta. Nello stesso tempo, però, visto che i vantaggi messi a disposizione dalla normativa riguardano un ventaglio ampio di interventi di riqualificazione, l’impresa vicentina da 17,5 milioni di fatturato e circa 75 addetti, cui si aggiungono una cinquantina tra agenti e tecnici, è entrata a far parte di un consorzio di aziende che come general contractor propone operazioni articolate, con la formula del chiavi in mano, «dalla progettazione alla asseverazione», evidenzia Tosti.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti